Domenica 17 Aprile 2011

Brevi si dispera:
Due punti buttati

«E' stata una grande partita, pareggiata per delle ingenuità che non dovevamo commettere. L'espulsione di Filipe ha cambiato la partita: prima di questo episodio il Bassano non aveva quasi mai tirato in porta». Oscar Brevi, tornato in panchina dopo la squalifica, è amareggiato per il pareggio a Bassano. E l'azione che ha portato a quell'espulsione, arrivata sul 2-0 per il Como, è l'immagine di una partita dura, una rissa continua. «Il Bassano è una squadra esperta, hanno impostato la partita sull'aggressività – spiega Brevi -  Quel fallo su Filipe, e lo dico da giocatore che in carriera di falli ne ha commessi parecchi, poteva essere molto pericoloso. E non so cos'abbia potuto dire di così grave Filipe: è il giocatore più buono del mondo. Ha sbagliato, ma è un'espulsione esagerata». L'altro episodio chiave, il calcio di rigore concesso al Bassano nel recupero: «C'è stata una concatenazione di errori. Non siamo riusciti a tenere il pallone nella loro metà campo su una rimessa laterale a nostro favore e siamo usciti in tre sul portatore di palla a destra. E' stato un errore collettivo». Il rigore non fischiato in precedenza, per fallo di mano di Franco? «Non l'ho visto, ero lontano». Resta l'ottima partita, con alcune prestazioni singole importanti: «Tutti bravi, veramente. Abbiamo sempre avuto il gioco in mano, sul due a zero abbiamo avuto anche l'occasione per segnare il terzo. E sul loro primo gol, sono stati anche fortunati: un tiro casuale, che ha trovato il loro attaccante libero in area. E forse c'era anche un fuorigioco. Questi sono davvero due punti persi». ». Oscar Brevi, tornato in panchina dopo la squalifica, è amareggiato per il pareggio a Bassano. E l'azione che ha portato a quell'espulsione, arrivata sul 2-0 per il Como, è l'immagine di una partita dura, una rissa continua. «Il Bassano è una squadra esperta, hanno impostato la partita sull'aggressività – spiega Brevi -  Quel fallo su Filipe, e lo dico da giocatore che in carriera di falli ne ha commessi parecchi, poteva essere molto pericoloso. E non so cos'abbia potuto dire di così grave Filipe: è il giocatore più buono del mondo. Ha sbagliato, ma è un'espulsione esagerata». L'altro episodio chiave, il calcio di rigore concesso al Bassano nel recupero: «C'è stata una concatenazione di errori. Non siamo riusciti a tenere il pallone nella loro metà campo su una rimessa laterale a nostro favore e siamo usciti in tre sul portatore di palla a destra. E' stato un errore collettivo». Il rigore non fischiato in precedenza, per fallo di mano di Franco? «Non l'ho visto, ero lontano». Resta l'ottima partita, con alcune prestazioni singole importanti: «Tutti bravi, veramente. Abbiamo sempre avuto il gioco in mano, sul due a zero abbiamo avuto anche l'occasione per segnare il terzo. E sul loro primo gol, sono stati anche fortunati: un tiro casuale, che ha trovato il loro attaccante libero in area. E forse c'era anche un fuorigioco. Questi sono davvero due punti persi».

n.nenci

© riproduzione riservata