Venerdì 14 Settembre 2012

L'anticipo del Como
A Monza c'è la Tritium

COMO - La curiosità è tanta. Tanta è la voglia di rivedere il Como dopo la bella e vincente prova di due settimane fa con il San Marino. Tre punti e un inizio brillante, ma in fondo è come se oggi fosse un altro inizio.Come dire, quello definitivo. Perché poi non ci si fermerà più sino a Natale, e ogni possibile difetto, ogni carenza, ogni problema andrà risolto soltanto in corsa.
Nel frattempo, comunque, grossi problemi non sembrano esserci per la squadra di Paolucci. Che sabato affronterà - in anticipo rispetto alle altre perchè al Brianteo ci gioca anche il Monza, che sarà in campo domenica - una squadra che ha perduto sinora due partite su due.
Il problema, forse, potrebbe essere proprio questo. Scontrarsi contro una squadra che ha già necessità di imporre al suo cammino un'inversione di tendenza per non rischiare di restare troppo indietro, per quanto il fondo classifica sia ancora molto affollato, con quattro squadre ancora a zero e l'Albinoleffe a -8. Ed è certamente uno degli aspetti che più preoccupa Paolucci.
Detto questo, il Como e il suo tecnico proseguono per la loro strada, con le scelte di modulo e di uomini che il tecnico effettua sempre seguendo la sua linea.
La novità sarà l'impiego di Cia dall'inizio. Il biondo altoatesino, ex Benevento, giocherà a destra nella linea di attacco a tre. Nel suo ruolo più naturale, che ha occupato anche nell'amichevole di una settimana fa contro ilTorino senza mettersi particolarmente in mostra.
Oggi ha una settimana di allenamento in più nelle gambe e di affiatamento in più con la squadra. Lecito attendersi una prova più interessante e concreta. E dall'amichevole con il Torino è preso in fotocopia anche tutto il fronte offensivo, visto che al centro giocherà Torregrossa e Donnarumma sarà sulla sinistra.
Scelte effettuate anche per necessità, visto che Gammone non è tra i convocati per un problema fisico - una ciste intramuscolare che lo infastidisce da qualche settimana -, mentre Lisi, infortunatosi nella partita con il San Marino ci sarà ma in panchina non essendo ancora in condizioni fisiche perfette.
Difesa e centrocampo saranno invece gli stessi messi in campo contro ilSan Marino. Dietro, Benvenga e Marchi esterni con la coppia centrale Schiavino e Del Pivo. Davanti alla difesa Ardito, che ha invece recuperato bene dall'infortunio di due settimane fa, supportato da Giampà a destra e Tremolada a sinistra.
Altro assente, oltre a Gammone e a Micai ancora squalificato, Daniele Donnarumma. In panchina gli altri ultimi arrivi di fine mercato, Luoni e Grandi.
La giornata presenta scontri un po' difficili da pronosticare, visto che un po' tutte le squadre appaiono ancora in fase di assestamento. A parte quello che sulla carta appare uno scontro scontato, l'impegno casalingo delLecce con il San Marino. Ma le sorprese prima o poi arrivano per tutti. Come ha sorpreso l'inizio difficoltoso della Cremonese, che oggi alla seconda gara casalinga in casa consecutiva, ospite il Feralpi Salò, non può permettersi di sbagliare ancora

COMO (4-3-3): Perucchini, Benvenga, Del Pivo, Schiavino, Marchi; Giampà, Ardito, Tremolada; Cia, Torregrossa, Donnarumma. (Twardzik, Ambrosini, Luoni, Fautario, Velardi,Scialpi, Grandi). All. Paolucci.
TRITIUM (4-2-3-1): Nodari; Martinelli, Teso, Bossa, Riva; A. Arrigoni, Corti; E. Bortolotto, T. Arrigoni, Casiraghi; Chinellato. (Paleari, Cremaschi, Monacizzo, Brandi, Cusaro, Cogliati, R. Bortolotto). All. Bertani.
Arbitro: Fiore di Barletta.

g.valentini

© riproduzione riservata

Tags