Como, gli stop per pioggia  e il ginocchio dell’arbitro
L’arbitro e i capitani di Como e Cremonese Ambrosini e Brighenti guardano il campo: non si può giocare (Foto by cusa)

Como, gli stop per pioggia

e il ginocchio dell’arbitro

Tre anni fa sospesa la prima di campionato con la Pro Vercelli

Qualche mese dopo contro il Taranto l’episodio più curioso

Non si sa ancora quando il Como potrà recuperare la partita, forse in settimana si avranno indicazioni più precise. Si sa invece che i biglietti acquistati per la partita con la Cremonese - ne sono stati venduti circa trecento, di cui una sessantina agli ospiti - sono riutilizzabili per quando Como-Cremonese sarà rigiocata. Oppure si può chiederne il rimborso, in tempi e modi che il Calcio Como indicherà in questi giorni.

Nella storia azzurra i precedenti di partite annullate non sono moltissimi ma nemmeno così rari. In questa stagione era giàù stata annullato quello che avrebbe dovuto essere l’esordio della squadra al Sinigalia in agosto, un’amichevole con l’Equipe Lombardia.

Per quanto riguarda invece partite ufficiali, le ultime sospensioni riguardano il campionato 2011-12. Una proprio legata alla pioggia, in occasione della prima giornata di campionato, in casa con la Pro Vercelli: era il 4 settembre 2011, la partita si cominciò a giocare, anzi si riprese pure nel secondo tempo. Al 14’ della ripresa l’arbitro decretò la sospensione della partita, non senza polemiche visto che il Como stava vincendo 2-1. Fu comunque una vittoria anche nella ripetizione della gara, per 1-0.

Più anomala la sospensione di qualche mese dopo, nel marzo del 2012, stesso campionato. La partita era Como-Taranto e fu interrotta per un infortunio all’arbitro Bietolini di Firenze. Un problema al menisco che gli impediva di stare in piedi. Era già il 37’ della ripresa, il risultato era di 1-1, ma da regolamento anche quella partita fu rigiocata dall’inizio. E fu un 1-1 anche la seconda volta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA