Como, otto tappe  per restare in corsa
Ebagua e Ganz con le mani nei capelli davanti al portiere del Pescara Fiorillo (Foto by Foto Cusa)

Como, otto tappe

per restare in corsa

Otto gare alla fine dell’andata: ci sono le prime tre della classe ma anche avversarie dirette e campi abbordabili

Otto partite alla fine del girone di andata. Otto tappe che separano dalla prima - e unica - sosta del campionato. E dal mercato di gennaio, che potrebbe modificare gli equilibri generali del campionato. Uno spartiacque non solo ideale, dunque. A cui si arriverà con un ritmo molto intenso: in dicembre, tra il 6 e il 27 quindi nell’arco di venti giorni, si giocano sei partite. Si sta entrando, insomma, in una fase della stagione assolutamente decisiva. Per il Como non c’è molta scelta: il recupero sulle avversarie che lo precedono deve arrivare da qui alla fine dell’anno. Mettersi alla pari con le rivali dirette per poi provare, magari anche grazie al mercato, a giocarsi le chance di salvezza senza handicap.

Dalla quota che in questo momento può valere la salvezza il Como dista 6 punti. Due vittorie. Che sono tantissime per una squadra che in tredici giornate ha vinto una sola partita. L’aspetto interessante però è che in questa serie di gare che conducono alla fine del girone di andata ce ne sono almeno tre che possono essere considerati scontri diretti.

Una delle partite più importanti, è proprio la prossima, sabato a Vercelli. La squadra piemontese ha perso sette partite, come il Como. Quattro delle quali sul suo campo. È una gara che si può giocare, insomma. Contro una squadra che subisce pochi gol ma ne segna anche pochi. Dopo aver “rischiato” di vincere a Chiavari, si può pensare di provarci. Anzi, si deve, Anche perchè poi c’è un trittico tremendo: Bari in casa , Cagliari in trasferta, Crotone in casa. E lì, onestamente, tutto ciò che arriva è guadagnato. Sarebbe già fondamentale non perdere troppo i contatti con il resto del gruppo. Poi, un’ultima parte di girone di andata da affrontare al massimo, per poterne trarre il massimo. La trasferta di Terni - la Ternana in casa sua ha perso 4 partite e in tutto ne ha perse 8, una più del Como-, la partita del Sinigaglia contro l’Avellino - altra squadra abbordabile, che in trasferta ha perso sinora 4 partite -, la trasferta di La Spezia, difficoltà media, livello simile a quella di Chiavari infatti l’Entella ha gli stessi punti -, e la chiusura in casa contro la Salernitana, altro appuntamento importantissimo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA