Il muro del Moccagatta In 4.000 contro il Como
Zanotti, oggi possibile titolare del Como, avrà i suoi grossi problemi (Foto by Cusa)

Il muro del Moccagatta
In 4.000 contro il Como

Curva Nord esaurita ad Alessandria: un pericolo in più per gli azzurri di Gallo

Curva Nord esaurita ad Alessandria – è la terza volta che succede quest’anno - e previsti non meno di 4mila spettatori al “Moccagatta”.

Ovvia conseguenza di una campagna acquisti importante, con l’obiettivo di una promozione che l’Alessandria insegue da più di quarant’anni: l’ultima partecipazione risale infatti alla stagione 74/75.

L’inizio di stagione è stato perfetto per la squadra di Piero Braglia: 5 partite, 5 vittorie contro Pro Piacenza, Livorno, Lucchese, Arezzo e Piacenza. Non sempre brillando, ma giocando in maniera molto efficace. Sfruttando al massimo la pericolosità di Gonzalez, arrivato la scorsa estate dopo molte stagioni da protagonista dalla Lega Pro alla serie A con la maglia del Novara: quattro finora reti per l’argentino. Un giocatore fuori categoria, ben supportato dall’ariete Bocalon, con Fischnaller in panchina.

Si aggiunga a questo pacchetto avanzato, a centrocampo, l’estro di Iocolano, la solidità di Sestu (ex Entella) e la coppia di centrali Cazzola-Mezavilla, perno affidabilissimo che, con Piero Braglia in panchina, ha già vinto la Lega Pro nel 2012 con la Juve Stabia. In difesa, al centro c’è in pianta stabile Piccolo (a Como in B nel 2003/04), a sinistra ballottaggio tra Barlocco (poche presenze nel Como due stagioni fa) e Manfrin.

Per la partita di oggi, Braglia ha scelto il 4-4-2: squadra al completo, rientra e andrà in panchina Marras dopo l’infortunio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA