Brunate verso l’addio alla discarica  Arriva il camion per la differenziata
Il camion che raccoglie la differenziata tutti i giovedì in via Laghetto: il servizio si chiama “Eco Mobile”

Brunate verso l’addio alla discarica

Arriva il camion per la differenziata

Ogni giovedì dalle 13 alle 16,30 in via Laghetto c’è la stazione mobile di raccolta. Per ingombranti e verde bisogna concordare gli appuntamenti: i primi trasporti sono gratis

Nella piccola Brunate arriva il primo “Eco Mobile”. Dal 1° luglio in paese è iniziata una rivoluzione nell’ambito del conferimento dei rifiuti in discarica: fino ad ottobre i cittadini faranno un periodo di prova per quanto riguarda il conferimento dei rifiuti nella tradizionale discarica che si vorrebbe eliminare.

In via per Como al momento restano i container che dovrebbero essere smantellati ad inizio ottobre. Nel frattempo, ogni giovedì dalle 13.30 alle 16, in via Laghetto, c’è la nuova stazione mobile, ovvero un camion con quattro o sei ripartizioni nel cassone in cui poter conferire i rifiuti che solitamente si portano in discarica.

L’Eco Mobile è un servizio gestito da Service 24, l’azienda che ha l’appalto gestione rifiuti e ritiro porta a porta in paese. La piccola isola ecologica per la raccolta di alcuni rifiuti di origine domestica funge anche da punto d’informazione sui servizi di Service 24.

Attualmente i cittadini di Brunate per essere “traghettati” dalla piattaforma ecologica tradizionale a quella mobile in cui non si può conferire il verde o gli ingombranti, hanno a disposizione dei bonus.

Anzitutto il servizio a chiamata per gli ingombranti: due pezzi per chiamata, ritiro a piano strada nel giorno dell’appuntamento, servizio gratuito per i primi due appuntamenti, poi ciascuna chiamata successiva costerà 13 euro direttamente addebitati nella Tari.

Per il verde invece Service 24 a chi lo richiede darà un contenitore carrellato da 240 litri (costa 50 euro); una volta riempito con gli scarti del verde, dovrà essere portato in strada il giorno concordato con la richiesta di ritiro. Il servizio sperimentalmente sarà gratuito per le prime otto chiamate, dopodiché si pagheranno 13 euro ogni ritiro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA