«Con la rotonda corrono tutti di più»  L’allarme dei residenti di Albese
L’incrocio tra la via Verdi e la provinciale (Foto by bartesaghi)

«Con la rotonda corrono tutti di più»

L’allarme dei residenti di Albese

La rimozione del semaforo dalla Provinciale ha creato nuovi rischi per chi arriva da via Verdi. Il sindaco: «Il traffico è senz’altro più fluido, ora vedremo come risolvere il problema»

«Con la nuova rotonda e quindi col traffico velocizzato diventa un serio pericolo immettersi sulla provinciale: si faccia qualcosa per la sicurezza»: parola di residenti di Albese con cassano

Da via Verdi arriva la protesta e la richiesta di intervento per la sicurezza dell’incrocio con la provinciale strada provinciale dei Laghi di Pusiano e Garlate. Via Verdi è una traversa della provinciale, nella zona residenziale al confine con Tavernerio, che si immette sulla provinciale insieme a via Donizzetti.

Chi scende dalla strada, che porta alla zona residenziale rialzata rispetto alla provinciale, ha uno spazio di manovra ridottissimo: deve guardare dallo specchietto chi arriva e poi buttarsi sulla provinciale.

A sollevare il caso sono Giuseppe Moscatelli e Costanzo Azzola, che si fanno portavoci del disagio dei residenti. «Prima, a duecento metri, c’era il semaforo che stoppava il traffico - spiegano -: nei momenti in cui scattava il rosso, la corsia si liberava e ci si poteva immettere senza troppi problemi La rotonda che è stata ultimata nei mesi scorsi ha tolto questa possibilità e ha velocizzato il traffico. Automobili e camion arrivano spediti sul lungo rettilineo e diventa davvero molto pericoloso immettersi sulla provinciale». Gli automobilisti devono per certi versi immettersi come in un salto nel buio, rischiando non poco.

Alle preoccupazioni risponde il sindaco Carlo Ballabio: «Per quanto riguarda la possibilità di eliminare l’isola spartitraffico per realizzare una corsia di immissione, devo ricordare che l’isola sorge su proprietà privata condominiale e quindi non è possibile». replica il neo primo cittadino

E aggiunge: «Capisco perfettamente che la rimozione del semaforo ha reso continuo il flusso di traffico. Non sono pervenute per ora lamentele ufficiali in Comune, ma raccolgo le richieste di questi residenti e capiamo cosa è possibile fare».


© RIPRODUZIONE RISERVATA