Funicolare Lanzo, avanti tutta  E adesso parte la caccia ai soldi
Ciò che resta della funicolare (Foto by Archivio)

Funicolare Lanzo, avanti tutta

E adesso parte la caccia ai soldi

A un mese dal convegno di Campione, il progetto prende corpo. Si va verso l’accordo di programma per riattivare l’impianto fermo dal 1976

Dopo il convegno di Campione d’Italia arriva il primo passo ufficiale per far decollare il progetto redatto dal professor Lanfranco Senn del gruppo Clas, per la riattivazione della vecchia funicolare Lanzo- Santa Margherita dismessa negli anni Settanta.

Al tavolo della trattativa è stato deciso che prossimamente sarà siglato un accordo di programma che vedrà coinvolti Regione Lombardia, proprietaria dell’impianto,la Provincia di Como, i Comuni di Lanzo e Valsolda e le autorità del Bacino del lago Ceresio. L’accordo istituzionale sarà aperto anche a soggetti economici privati tra i quali l’ASF , l’azienda pubblica dei trasporti comaschi e la Navigazione del Ceresio che hanno già manifestato interesse al progetto.

La vecchia funicolare a cremagliera di Lanzo, che negli anni Sessanta trasportava circa 30 mila passeggeri l’anno, rappresenta infatti un indotto turistico anche grazie ai battelli elvetici pronti ad attraccare a Santa Margherita. Dopo varie peripezie la funicolare cessò l’attività nel settembre del 1976.


© RIPRODUZIONE RISERVATA