Regina, la vittima una giovane mamma
La scena dell’incidente sulla statale Regina all’altezza della galleria Gaeta (Foto by foto selva)

Regina, la vittima una giovane mamma

La donna, 31 anni, era con un amico a bordo di una Range Rover finita fuori strada all’uscita di un tunnel a San Siro. Origini venezuelane, aveva due bambini. Grave il conducente, 32 anni di Villa Guardia ricoverato a Gravedona

Una donna di 31 anni, madre di due figli, residente a Saronno, è la vittima dell’incidente d’auto avvenuto lungo la Regina, all’ingresso della galleria La Gaeta. Viaggiava in auto con un amico, 32 anni, nato a Como, casa a Villa Guardia, attualmente ricoverato a Gravedona, in condizioni senz’altro molto serie ma non, a quanto pare, in pericolo di vita.

Lui guidava una Range Rover, un’auto robustissima, di cui non resta praticamente più nulla, come testimoniano le immagini, che dicono moltissimo della violenza dell’impatto con il muro all’ingresso del tunnel. Sulla dinamica non c’è molto da dire o da chiarire, per quanto i carabinieri del Nucleo radiomobile di Menaggio siano ancora impegnati a fare chiarezza sul perché e sul per come. La vettura viaggiava in direzione di Menaggio, rientrando da una serata trascorsa a Musso.

La Range ha preso probabilmente a sbandare all’esterno della galleria Sassorancio, in corrispondenza di una curva verso destra, una curva con un raggio molto lungo che prosegue anche all’interno del tunnel successivo, quello battezzato con lo stesso nome della Gaeta. L’auto deve essersi “imbarcata”, deve avere urtato un cordolo salvo infine rimbalzare sulla corsia opposta e andando a sbattere contro il muro all’ingresso della seconda galleria, di fronte al cancello della villa.

Per la donna non c’è stato nulla da fare.

Il pm di turno disporrà probabilmente un’autopsia.

L’articolo completo su La Provincia in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA