Autisti picchiati sul bus Nel VIDEO dell’accusa l’aggressione non si vede
In un fotogramma del video dell’accusa due dei quattro immigrati arrestati

Autisti picchiati sul bus
Nel VIDEO dell’accusa
l’aggressione non si vede

Le immagini della telecamere di sicurezza della tabaccheria di via Milano riprende la lite, i momenti concitati e la fuga degli aggressori poi arrestati

C’è il ragazzo con la maglietta della Juve, l’amico con la maglietta gialla, un altro con la t-shirt rossa e il quarto che ne indossa una nera. Compaiono tutti quanti nel video ripreso dalle telecamere di sicurezza della tabaccheria sotto i portici di via Milano, i quattro giovani immigrati arrestati martedì scorso dalla polizia con l’accusa di aver aggredito i due autisti del bus colpevoli di aver chiesto loro il biglietto.

Un video, quello acquisito da Polizia e Procura, che pubblichiamo nelle parti essenziali e che dura una ventina di minuti. Immagini dell’accusa utili a identificare e portare in questura i sospettati dell’aggressione, ma che non riprende nulla se non gli attimi che hanno preceduto l’aggressione denunciata dai due autisti del bus ringraziati pubblicamente in Prefettura dal ministro Matteo Salvini (leader della Lega per il quale, hanno raccontato a margine della conferenza stampa di ieri, i due autisti hanno votato).

Dal momento dell’arrivo del bus in piazza Vittoria a quello della fuga di due dei quattro giovani immigrati poi arrestati, passano nove minuti e mezzo. Un tempo lunghissimo, nel corso del quale si vede l’autista del bus di linea controllare un paio di volte i biglietti dei suoi passeggeri, si nota un via vai sempre più concitato dei protagonisti dell’aggressione e, infine, si intuisce che la situazione trascende quando l’autista chiude la porta di mezzo e tre ragazzi vengono notati partire verso il fronte dell’autobus, dove - hanno denunciato gli autisti - si è consumata l’aggressione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA