Borghese e i “4 ristoranti”  Ribalta il risultato  e vince il locale di Como
Alessandro Borghese in piazza Duomo a Como durante le riprese della trasmissione (Foto by foto butti)

Borghese e i “4 ristoranti”

Ribalta il risultato

e vince il locale di Como

Ieri sera su Sky la puntata comasca del programma. Primo posto per Massimo e il suo “Il Crotto del Sergente”. Lo chef ha premiato “sapori antichi e cucina moderna”

Como

“And the winner is...” il Crotto del Sergente: ristorante dalla lunga tradizione (ha aperto nel 1880), scelto per partecipare alla popolarissima trasmissione “4 ristoranti” condotta da Alessandro Borghese, è arrivato primo nella disfida a suon di piatti tipici che lo ha visto contrapposto all’Imperialino di Moltrasio, al Villa Belvedere di Argegno e a La cucina della Marianna di Griante. La puntata è stata trasmessa da Sky ieri sera ed è certo che, tra gli spettatori, i comaschi saranno stati numerosissimi. La polemica con la Camera di commercio è ormai alle spalle: «Noi, per la verità, siamo stati contattati prima – spiega Massimo Croci, volto e anima del Crotto – A differenza di quello che si può pensare fanno tutto loro, si muovono autonomamente selezionando i concorrenti tra le segnalazioni».

La formula prevede che ogni ristoratore inviti a cena i suoi rivali assieme a Borghese. A sfidarsi Massimo (Crotto del Sergente), Tiziano (La cucina della Marianna), Umberto (Imperialino) e Jean Christophe (Villa Belvedere). Ispezioni nelle singole cucine e poi la cena con qualche imprevisto, incluso il temporale scoppiato a Moltrasio. E via via fino ad arrivare al momento di girare le cloche con i voti parziali, seguiti dal bonus di Borghese per il miglior pesce di lago e, infine, alla classifica finale con anche i voti dello chef che hanno ribaltato il risultato rivelandosi decisivi. Ecco che al primo posto è arrivato Massimo, seguito da Umberto, Jean Christophe e Tiziano. Borghese, nel consegnare il premio da 5mila euro al titolare del Crotto del Sergente, ha elogiato il mix tra «sapori antichi e cucina moderna».

© RIPRODUZIONE RISERVATA