Como, maxi blackout. Enel: «Solo domenica mattina si torna alla normalità»
Il passaggio a livello di Sant’Orsola

Como, maxi blackout. Enel: «Solo domenica mattina si torna alla normalità»

Elettricità via per ben ore in diverse zone. Proteste a Garzola. Molti ascensori bloccati. Vigili in corrispondenza dell’incrocio del San Martino: semafori spenti

Maxi blackout in città. Dalle 11.50 di sabato fino al primo pomeriggio decine di vie sono rimaste senza corrente. E i vigili del fuoco sono stati costretti a intervenire in alcuni palazzi a causa di ascensori bloccati con persone all’interno.

Le segnalazioni del blackout (le cui cause sarebbero legate al maltempo che ha colpito il Nord Italia) arrivano da Garzola, San Martino, dalla zona di viale Giulio Cesare, da via Milano e da via Mentana. Proprio all’incrocio del San Martino, sotto una pioggia battente, è in servizio una pattuglia della polizia locale, impegnata a dirigere il traffico dopo lo spegnimento dell’impianto semaforico.

Disagi anche al passaggio a livello tra viale Battisti e viale Lecco dove il passaggio a livello è andato in tilt e ha iniziato ad alzarsi e ad abbassarsi, causando non pochi problemi a un traffico già congestionato per colpa del maltempo.

Infine da segnalare l’impossibilità di contattare l’Enel per segnalare il blackout e chiedere informazioni. Decine di comaschi, non riuscendo a parlare con i tecnici dell’Enel, hanno quindi intasato di telefonate il centralino dei vigili del fuoco.

Nella serata di sabato Enel ha parlato di «10.000 utenze fuori servizio sparse in 43 comuni della Provincia di Varese e 2.500 utenze in 9 comuni della Provincia di Como». Enel, prosegue la nota, «in stretto contatto con Protezione Civile, Prefetture e Comuni interessati informa che, sulla base delle attuali condizioni meteo, non sarà possibile riparare tutti i guasti nel corso della serata ove si stima di rialimentare oltre il 50% delle forniture nelle prossime ore. Si prevede di poter normalizzare il servizio elettrico nella tarda mattinata di domenica».


© RIPRODUZIONE RISERVATA