Como, il condominio  degli spacciatori
La droga e i soldi sequestrati

Como, il condominio

degli spacciatori

Tre denunciati per spaccio di marijuana

In viale Lecco i poliziotti della squadra volante di Como hanno scoperto che nello stesso condominio, residenti uno sopra l’altro, vivevano uno spacciatore e il suo fornitore. E in un blitz durato una notte intera, denunciano anche una terza persona, terminale del giro di marijuana.

Ha retroscena per certi versi inverosimili l’operazione condotta dagli agenti della volante della Questura tra piazza della Tessitrice e viale Lecco, nella notte tra venerdì e ieri. Tutto inizia nel tardo pomeriggio di venerdì, con una segnalazione di una rissa in piazza della Tessitrice. Quando la pattuglia della polizia arriva, i contendenti si sono già dileguati. Ma gli agenti notano un uomo che, alla vista della volante, cerca di allontanarsi. Si tratta di un giovane comasco del tutto incensurato, 27 anni, che addosso aveva 50 grammi di marijuana.

I controlli da parte degli inquirenti consentono di risalire al presunto venditore di quei 50 grammi di droga: un uomo di 35 anni, comasco, residente in viale Lecco. E così in serata i poliziotti bussano a casa dell’uomo e nel corso della perquisizione trovano una quindicina di grammi di marijuana, ma soprattutto 380 euro ovvero il controvalore della droga sequestrata poche ore prima al ragazzo di piazza della Tessitrice.

Nel corso della perquisizioni gli agenti risalgono a un terzo sospettato: un terzo comasco, 45 anni, residente al piano superiore. E così salgono nell’appartamento del vicino dove saltano fuori ben 215 grammi di marijuana e, nascosti in uno sportello accanto alla televisione, 2500 euro in contanti, che gli inquirenti ritengono essere il guadagno dell’attività di spaccio. Altri 2100 euro saranno trovati, invece, a casa del più giovane del terzetto, anche questi nascosti.

Tutti e tre i protagonisti del triangolo del fumo sono stati denunciati a piede libero con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA