Il contagio dilaga nelle case di riposo  Borgovico, triste record : 37 positivi
Boom di contagi alla casa di riposo delle Giuseppine

Il contagio dilaga nelle case di riposo

Borgovico, triste record : 37 positivi

Rsa sotto assedio, quattro le ospiti decedute alle Giuseppine, dove la situazione è precipitata - I responsabili: «Altre otto pazienti versano in condizioni serie». Gli ospedali? Non c’è più posto

Como

Nelle Rsa il Covid continua a mietere vittime. La pandemia che ha fatto disastri in primavera anche in questa seconda ondata è riuscita a entrare nelle residenze per anziani, nonostante le precauzioni, strutture ora in grave difficoltà che nella nostra provincia contano numerosi decessi e centinaia di casi positivi.

In città altre quattro anziane sono spirate nell’istituto delle suore Giuseppine di via Borgovico. Dopo i primi casi isolati e asintomatici registrati nelle scorse settimane, oggi nella residenza della Giuseppine si contano 37 ospiti contagiati su una settantina di degenti.

«Sì, abbiamo purtroppo pianto quattro decessi - conferma Paola Valtorta, la responsabile sanitaria -, ospiti anziane con il Covid oltre gli ottant’anni, con una salute sicuramente precaria, ma che hanno visto un rapido aggravamento della propria condizione. Abbiamo un gruppo di una ventina di ospiti con pochi sintomi. Astenia, inappetenza, ma niente febbre alta, per intenderci. Sono in camere isolate e soffrono l’impossibilità di muoversi e relazionarsi. Una decina di casi invece presenta sintomi, anche importanti, circa otto ospiti vengono ossigenate e versano in condizioni delicate».

La struttura comasca ha segnalato alla centrale operativa milanese del Pio Albergo Trivulzio le proprie difficoltà, ma per le richieste avanzate ormai diversi giorni fa è arrivata una risposta con un’offerta d’aiuto per una paziente che ormai pare essersi ristabilita. Dunque non è stato effettuato alcun ricovero. Mentre per diverse altre signore che avrebbero bisogno di ospedalizzazione la risposta è che non ci sono più letti a disposizione. Gli ospedali sono pieni.

L’Ats Insubria la scorsa settimana ha riferito che il quadro nelle case di riposo è preoccupante: su 115 strutture si registrano 48 anni casi positivi. Nel Comasco le residenze per anziani sono una cinquantina e circa la metà sono state di nuovo investite dal contagio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA