La casa dei bambini  Dalla strage alla speranza

La casa dei bambini

Dalla strage alla speranza

Parte la raccolta fondi per comprare l’appartamento dove morirono quattro bambini. Il sogno: «Vogliamo che da quel dolore nasca un aiuto concreto alle famiglie che si trovano in difficoltà»

«La casa dove quattro bimbi hanno trovato la fine dei loro sogni e delle loro vite diventi l’inizio di una nuova speranza per altri bambini».

“Dai diamanti non nasce niente”, ci ha insegnato De Andrè. Non suoni dunque paradossale se è proprio partendo dalla strage che 36 giorni fa ha sconvolto la nostra città che la Fondazione Scalabrini sogna di poter piantare il seme della speranza.

La Fondazione di via Martino Anzi, con il convinto apporto del quotidiano La Provincia e il sostegno della Fondazione della Comunità Comasca, lancia una raccolta fondi con il sogno di poter comprare la casa di via Per San Fermo dove il 20 ottobre scorso un padre ha appiccato un incendio uccidendo i suoi quattro figli. Ed è proprio in memoria di Siff, Sophia, Soraya e Saphiria che la Fondazione presieduta da Francesca Paini lancia l’iniziativa di solidarietà “Una casa per i bambini”.

«La casa è l’inizio di ogni famiglia ed è anche il luogo da cui una famiglia in difficoltà può ripartire e trovare sicurezza e fiducia - si legge nella lettera aperta scritta dalla presidente della Fondazione Scalabrini per presentare l’iniziativa di solidarietà - La casa può essere anche il riparo che una comunità porta in dono alle famiglie più fragili, perché la speranza sia un gesto condiviso. Proprio questo vogliamo proporre alla città di Como: unire l’impegno di tutti per poter mettere a disposizione delle famiglie fragili di Como una casa in cui abitare temporaneamente».

La Fondazione Scalabrini da cinque anni offre un’abitazione a persone e famiglie che stanno attraversando un momento di difficoltà per consentire loro di avere un luogo protetto dove poter iniziare a ricostruire il loro futuro. Famiglie italiane o straniere improvvisamente cadute in disgrazia o che stanno attraversando - a causa della crisi economica - un momento di difficoltà. Attualmente sono 48 le persone che, grazie alla Fondazione, possono dormire sotto un tetto.

Il sogno della raccolta fondi è di poter acquistare una casa - possibilmente proprio quella di via Per San Fermo - da poter offrire a famiglie bisognose con bambini.

Come aiutare

La campagna sarà sostenuta da un Comitato dei Garanti (nei prossimi giorni l’elenco degli aderenti) per possa certificare l’uso dei fondi che saranno raccolti grazie alla Fondazione della Comunità Comasca. I versamenti possono essere fatti presso i seguenti conti corrente, della stessa Fondazione della Comunità Comasca: presso le Poste italiane (iban IT23U0760110900000021010269), Bcc Alta Brianza (IT61B0832910900000000300153), Cra Cantù (IT96U0843010900000000260290), Bcc di Lezzeno ( IT73V0861851410000000008373), Unicredit filiale di Como Cavour (iban: IT86P0200810900000102337656), Banca Prossima ( IT92J0335901600100000128362). Fondamentale indicare la causale: “la casa dei bambini”.

Si può anche donare utilizzando la carta di credito direttamente da questa pagina.

Fai la tua donazione per “la casa dei bambini”

© RIPRODUZIONE RISERVATA