La città dei Balocchi fa 25  E a Natale farà parlare i monumenti
Il centro storico in versione natalizia in una foto scattata la scorsa edizione dal Broletto

La città dei Balocchi fa 25

E a Natale farà parlare i monumenti

Il Comune ha assegnato l’organizzazione al Consorzio Como Turistica, unico a presentare l’offerta. Brunati: «Festa della città, il Broletto racconterà storie»

Il Natale a Como sarà firmato anche quest’anno dal Consorzio Como Turistica, a cui il Comune ha formalmente assegnato ieri l’organizzazione della Città dei Balocchi.

Il consorzio presieduto da Roberto Cassani è stato l’unico a presentare un’offerta al bando indetto dall’amministrazione comunale che darà, come ogni anno, un contributo di circa 12mila euro. Per la prima volta rispetto al passato si tratta di un accordo biennale e, quindi, la manifestazione natalizia è già assegnata anche per il 2019. Questo significa che il prossimo bando verrà pubblicato dal Comune nel 2020. «Quest’anno la Città dei Balocchi torna per il venticiquesimo anno - spiega il coordinatore Daniele Brunati - e posso anticipare che tra le novità ci saranno alcuni monumenti “parlanti”. Como sarà la prima città a far parlare i monumenti attraverso un’animazione sonora che si va ad aggiungere alle proiezioni. Dalle pietre del Broletto spunterà un narratore che racconterà storie e racconti». In pratica non ci saranno soltanto le proiezioni colorate con immagini (l’anno scorso in piazza Duomo c’era ad esempio il bosco incantato con gli animali), ma ci saranno suoni e voci che arriveranno direttamente dai monumenti.

Gli eventi si svolgeranno come di consueto nelle piazze principali del centro: torneranno la pista di pattinaggio nel salotto buono e il mercatino che sarà ampliato, l’albero di Natale sarà ancora in piazza Grimoldi e torneranno di nuovo i corsi di educazione civica in collaborazione con le forze dell’ordine. Ci sarà anche un concerto al Sociale con la banda della polizia di Stato. Brunati spiega che ci saranno «due trenini, quello tradizionale natalizio e un secondo elettrico che andrà da via Garibaldi a piazza Verdi» e che ci sarà «una carrozza che consentirà l’accesso ai disabili». Oltre una ventina le associazioni di volontariato che saranno presenti nei 44 giorni dell’evento che inizierà come di consueto l’ultimo fine settimana di novembre per concludersi con l’Epifania.

© RIPRODUZIONE RISERVATA