Medici di base a Como
Ne manca uno su tre

Sul Lario dovrebbero essercene 90 in più, ma solo una trentina prenderanno servizio entro aprile

Medici di base a Como Ne manca uno su tre
Il presidente dell’Ordine dei medici, Gianluigi Spata, si reca da un paziente per somministrare il vaccino anti Covid
(Foto di archivio)

In provincia di Como mancano 90 medici di famiglia. L’Ats Insubria entro marzo deve pubblicare l’elenco dei cosiddetti ambiti carenti, ovvero quelle zone dove non ci sono abbastanza medici per rispondere ai bisogni di cura dei cittadini. Sono 180 gli ambiti carenti, di questi circa 80 a Varese e 100 a Como. Un territorio, quello comasco, che complessivamente conta 307 ambiti e che viene definito «più critico» dalla stessa ex Asl. La mancanza di medici di base è sempre più grave, l’ultima pubblicazione alla metà del 2021 censiva 67 ambiti carenti nella nostra provincia. Anche a causa dei tanti pensionamenti il problema sta diventando difficilmente sostenibile, soprattutto territori più periferici.

Maria Cristina Della Rosa , direttore del dipartimento Cure primarie dell’Ats, ha spiegato che sono in formazione 42 nuovi medici di cui 20 sul territorio di Como. E ad aprile conquisteranno il diploma altri 25 specializzandi, di cui 11 a Como.

«Una volta pubblicati gli elenchi degli ambiti carenti – ha detto Della Rosa – speriamo rispondano molti professionisti. Detto che stiamo pensando a una revisione degli ambiti, per accorpare e ottimizzare i servizi di cura. Senza rinunciare alla capillarità della medicina generale per restare vicino soprattutto a chi è più in difficoltà».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}