«Noi, orgogliosi di essere vigili»  E il Comune ne cerca altri dieci
Giovani in uniforme: Giulia Dell’Oca, 21 anni, e Samuel De Marco, 25 (Foto by butti)

«Noi, orgogliosi di essere vigili»

E il Comune ne cerca altri dieci

L’esperienza dei quattro giovani agenti in servizio a Como. Bando dell’Amministrazione per ampliare l’organico, ridotto a 87 unità

Facce nuove al comando della polizia locale, dopo anni di pensionamenti (molti) e assunzioni (poche). Samuel De Marco, Giulia Dell’Oca, Andrea Falciani e Francesco Puccio sono quattro agenti che da qualche mese lavorano lungo le strade della città e che - se saranno confermate le ottime valutazioni fin qui espresse dai loro superiori - dal prossimo mese di marzo, a conclusione del loro anno di prova, entreranno tra gli effettivi del corpo a tempo indeterminato.

È una notizia due volte. Un po’ perché, come detto, il numero degli effettivi torna a crescere, ma un po’ anche perché è la prima volta che l’amministrazione fa ricorso a questo genere di contratti di formazione.

Di più: il Comune, come noto, ha bandito un nuovo concorso per l’assunzione, con la medesima formula, di altri dieci agenti, che una volta in “servizio permanente effettivo” (cioè dopo l’anno di prova, per un concorso che solo apparentemente è a tempo determinato) riporteranno l’organico nei dintorni delle cento unità, a suo modo un “evento”, dopo tanti anni di cura dimagrante. Un bel modo per brindare ai 150 anni di fondazione del corpo e per prepararsi alla festa che domenica si svolgerà a Villa Olmo, non la “solita” festa di San Sebastiano, patrono del corpo, ma una festa regionale allargata alle delegazioni di tutte le polizie locali lombarde, da Mantova a Sondrio (è atteso, tra gli altri, anche il governatore Attilio Fontana).

Oggi gli effettivi in organico sono 87, ivi compresi due funzionari, sei ufficiali e il comandante Donatello Ghezzo. Sabato mattina alle 10 saranno tutti in Duomo, dove il vescovo Oscar Cantoni celebrerà una messa in occasione della ricorrenza del loro patrono, San Sebastiano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA