Cadavere nel parco del centro migranti   Ucciso con un colpo in testa
Como trovato cadavere nei boschi dietro centro accoglienza migranti dei salesiani di Tavernola (Foto by Andrea Butti)

Cadavere nel parco del centro migranti

Ucciso con un colpo in testa

La polizia è intervenuta al centro salesiani. L’omicidio avvenuto forse un mese fa

Il cadavere di un uomo, in avanzato stato di decomposizione, è stato trovato questa mattina nei boschi dietro al centro Salesiani di Tavernola. La polizia è intervenuta dopo che qualcuno ha notato il corpo, non lontano dall’edificio che ospita migranti e richiedenti asilo.

La Procura ha aperto un fascicolo d’inchiesta per omicidio: il medico legale, infatti, avrebbe riscontrato traumi sul corpo che fanno pensare a un delitto. Il cadavere è quello di un uomo di origini africane. Impossibile stabilire l’età.

Lo hanno ucciso, forse colpendolo con un pesante oggetto alla testa, e poi hanno avvolto il corpo in una coperta di lana e lo hanno abbandonato sul retro del centro dei salesiani di Tavernola. I detective della squadra mobile della Questura di Como stanno indagando per l’omicidio di un uomo, un cittadino africano, il cui corpo (in avanzato stato di decomposizione) è stato trovato ieri mattina nei bosco sul retro del centro che ospita, ormai da anni, i migranti.

Il corpo era avvolto in una pesante coperta di lana. I piedi scalzi, il volto diventato quasi uno scheletro, la vittima è un uomo, di origini africane, non molto alto, i capelli lunghi con le treccine. Secondo i primi accertamenti - e comunque in attesa dell’autopsia da parte del medico legale - potrebbe essere morto da almeno un paio di settimane. L’omicidio, quindi potrebbe essere avvenuto nelle ultime due settimane di settembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA