Paratie, il nuovo progetto è pronto  Una serata per presentarlo ai comaschi
Il cantiere sul lungolago è fermo da quasi sei anni

Paratie, il nuovo progetto è pronto

Una serata per presentarlo ai comaschi

Regione e Comune organizzeranno a ottobre un incontro aperto a tutti i cittadini, Ma la sala è un problema: aula magna di via Castelnuovo inagibile dopo l’addio del Politecnico

La buona notizia è che, dopo mesi di annunci e contro annunci, la nuova versione del progetto per le paratie è pronta. La competenza del cantiere è passata alla Regione, come noto, e i tecnici di Infrastrutture Lombarde hanno ultimato - in ritardo rispetto alle previsioni iniziali, per ammissione dello stesso governatore Attilio Fontana - la revisione di tavole e faldoni “ereditati” dal Comune.

Non si tratta di un nuovo progetto, ma di un aggiornamento, nei prossimi mesi per realizzare le opere verrà bandita una nuova gara d’appalto visto che il contratto in essere con Sacaim è stato stracciato.

C’è naturalmente attesa per conoscere i contenuti del progetto, considerando anche il lunghissimo stop al cantiere (da dicembre 2012 non si vedono operai e mezzi nelle aree recintate sul lungolago). Regione e Comune, proprio per rispondere a tutte le domande degli addetti ai lavori o di semplici cittadini, stanno organizzando un incontro pubblico, previsto all’inizio di ottobre. Una data ufficiale non è ancora stata stabilita, si conferma comunque la volontà di procedere all’insegna della trasparenza.

Il problema, per quanto possa sembrare incredibile, riguarda la sede destinata a ospitare l’incontro. La sala più capiente è l’aula magna utilizzata fino a poco tempo fa dal Politecnico, in via Castelnuovo. Peccato che - novità emersa nelle ultime ore - lo spazio risulti inagibile, complici una serie di lacune. Il Politecnico, che ha di fatto lasciato Como, aveva ottenuto lo spazio in concessione e ora l’ha restituito; il Comune si è accorto che mancano una serie di certificazioni obbligatorie e si parla anche di copiose infiltrazioni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA