Rapinese: «Votarla perché donna? Sconvolgente, è sessismo»

Campagna elettorale Il candidato civico contro l’aperitivo in rosa: «Gli inglesi hanno votato la Thatcher e i tedeschi la Merkel non perché donne ma perché erano brave»

Rapinese: «Votarla perché donna? Sconvolgente, è sessismo»
Rapinese martedì in viale Geno

Il candidato sindaco della sua lista civica Alessandro Rapinese ieri è intervenuto attaccando l’avversaria Barbara Minghetti, sostenuta dal centrosinistra, che ha diffuso un appello al voto al femminile dopo aver promosso un aperitivo in rosa mercoledì sera.

«Trovo sconvolgente - le parole di Rapinese - nella campagna elettorale di Minghetti che debba essere votata per delle qualità genetiche, ovvero essere donna e non, invece, per esperienza, competenza, preparazione. Questo è sessismo allo stato puro e fa male alle donne». E ha aggiunto: «Gli inglesi hanno votato la Thatcher e i tedeschi la Merkel non perché donne ma perché erano brave. Viva la meritocrazia e abbasso il sessismo».

Intanto Rapinese ha annunciato che questa sera alle 20.30 terrà a Porta Torre il comizio finale della sua campagna elettorale nel quale darà, così ha detto, «le ultime indicazioni per superare anche il centrosinistra, dopo aver superato il centrodestra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}