«Ti ammazzo», poi spara  Ma il  magistrato non lo arresta
Anche l’automedica e l’ambulanza sono intervenute a Monte Olimpino: per fortuna nessuno è rimasto ferito

«Ti ammazzo», poi spara

Ma il magistrato non lo arresta

Monte Olimpino, niente carcere per il motociclista pregiudicato che ha esploso un colpo di pistola per strada dopo una lite

Litiga, minaccia, estrae una pistola che non poteva né avere né tantomeno portare in giro, spara un colpo in mezzo alla strada contro uno sconosciuto mentre urla «ora ti ammazzo», ma nonostante questo non finisce in carcere. Era già in giro per Monte Olimpino, ieri mattina, il motociclista di 50 anni che domenica pomeriggio ha impugnato una calibro 38 e sparato un colpo dopo aver litigato con un uomo che passeggiava con il suo cane. Faustino, vecchia conoscenza della polizia e delle aule di giustizia (per reati contro il patrimonio e legati alle armi) , era stato intercettato tre ore dopo lo sparo dagli agenti della squadra volante e dai detective della squadra mobile della Questura. E proprio quel lasso di tempo trascorso dallo sparo al momento in cui è stato preso, gli ha evitato un arresto.

Se l’è cavata, dunque, con una semplicemente denuncia a piede libero per minacce aggravate, detenzione e porto abusivo d’arma da sparo e di oggetto atto ad offendere (un coltello a serramanico che aveva nel sellino dello scooter) il protagonista di un tardo pomeriggio di follia e paura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA