Vigilessa “imbucata” alla festa vip     E il Comune avvia un’indagine
Il party esclusivo del 22 settembre scorso nel parco di Villa Olmo

Vigilessa “imbucata” alla festa vip

E il Comune avvia un’indagine

In abito da sera al party indiano a Villa Olmo, mangia e scatta foto

Moriva dalla voglia di partecipare a quel party esclusivo. E così una vigilessa comasca ha escogitato uno stratagemma per “imbucarsi” alla festa del 22 settembre, nel parco di Villa Olmo, organizzata da miliardari indiani in occasione del fidanzamento di due rampolli. Un evento privato e blindatissimo, finito peraltro al centro di polemiche per la musica a tutto volume diffusa fino all’alba.

Il piano escogitato dalla vigilessa tuttavia non è andato a buon fine. O meglio, la donna è riuscita a entrare nel parco - anche grazie a un lavoro di “intelligence” svolto nelle ore precedenti - e, stando ai presenti, si è anche servita al ricchissimo buffet, oltre a scattare diverse fotografie con il cellulare (in barba ai divieti). La sua presenza, tuttavia, non è passata inosservata e così ora il Comune ha avviato nei suoi confronti un procedimento disciplinare. L’accusa, in sintesi, è quella di aver tratto in inganno gli addetti alla sicurezza, dicendo di essere autorizzata a entrare, in quanto «in servizio». L’indagine svolta dal competente ufficio comunale e le testimonianze raccolte dicono altro: la vigilessa non era di turno e si è presentata ai cancelli di Villa Olmo in abito da sera, con un collega, ha mostrato il tesserino della Polizia locale e gli addetti alla sicurezza - probabilmente credendo alla sua versione - non le hanno nemmeno oscurato la videocamera del cellulare (all’interno era vietato effettuare riprese e scattare fotografie, come previsto espressamente dal contratto stipulato con gli organizzatori del party).

A smascherare la donna sarebbero stati alcuni dirigenti e assessori di Palazzo Cernezzi, stupiti nel notare la vigilessa che si aggirava nel parco in abiti civili. La segnalazione all’ufficio procedimenti disciplinari è poi stata fatta dal comandante della Polizia locale Donatello Ghezzo. A questo punto la vigilessa verrà convocata per un’audizione e proverà a difendersi.

Vista la nazionalità degli ospiti vip, la vigilessa probabilmente ha provato a “fare l’indiano” quella sera. Non è stata una buona idea.


© RIPRODUZIONE RISERVATA