Villa Olmo, musica fino all’alba  «Impossibile chiudere occhio»
Villa Olmo illuminata per la festa di fidanzamento

Villa Olmo, musica fino all’alba

«Impossibile chiudere occhio»

Polemiche sul volume altissimo fino a oltre le 4 del mattino che ha tenuto svegli i comaschi che abitano affacciati sul primo bacino. Tantissime telefonate alle forze dell’ordine

Non solo la bellezza dei fuochi d’artificio. La festa del fidanzamento di Isha Ambani e Adnan Piramal, figli di miliardari indiani, ha lasciato una scia di polemiche legate alla musica a tutto volume arrivata da Villa Olmo fino all’alba con centinaia di telefonate alle forze dell’ordine.

«Nella notte - ha sbottato il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Fabio Aleotti - sono stato contattato da numerosi cittadini infuriati per l’insopportabile rumore della musica a tutto volume e recatomi sul posto ho constatato che la musica è proseguita ben oltre le 3,30 nel Parco e fino alle 5,47 nella Villa contrariamente a quanto deliberato dalla giunta che prevedeva la deroga ai limiti stabiliti fino alle 3 di notte per la parte afferente il parco e fino alle 4 per le emissioni sonore interne alla Villa ed agli edifici. Ho contattato il Comando dei Vigili Urbani ma l’ultima pattuglia “che avevo incontrato a Villa Olmo” era comandata in servizio solo fino alle ore 4 e già questo ritengo sia inopportuno non potendo così verificare che l’ordinanza venga rispettata, ho quindi contattato la Questura di Como scoprendo che la loro ordinanza prevedeva la fine alle 5, proseguendo comunque l’emissione sonora che ha tenuto sveglia una buona parte di Como ben fino alle 5,47 ho richiesto l’intervento di una pattuglia della polizia e purtroppo con l’occasione ho appreso che centinaia sono state le telefonate al pronto intervento». Aleotti annuncia che «lunedì approfondirò in consiglio comunale ritenendo che la pur economicamente vantaggiosa entrata per il Comune non possa essere pregiudizievole della vita e della salute dei nostri concittadini e che comunque le deroghe ancorché discutibili debbano essere fatte rispettare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA