Ztl, la telecamera non perdona  «Per un minuto pago 1400 euro»
Gioacchino Dell’Olio, gioielliere del centro tartassato dalle multe del vigile elettronico (Foto by butti)

Ztl, la telecamera non perdona

«Per un minuto pago 1400 euro»

Commerciante del centro tartassato dal vigile elettronico

«Dieci multe per aver sforato di pochissimo il limite del carico-scarico»

Tolleranza zero per chi sfora sugli orari di ingresso e uscita della Ztl. Gioacchino Dell’Olio, gioielliere titolare del negozio “Mattimartin” in via Ballarini, ha ricevuto all’inizio di questo mese tre multe, tutte per la stessa infrazione.

«Mi rimproverano di essere uscito dal varco di via Cairoli dopo il limite delle 10.30 previsto dal permesso di carico e scarico. Non posso negarlo, anche se parliamo sempre di pochi minuti, di solito uno o due, al massimo dieci. Le contestazioni risalgono ai mesi di dicembre e gennaio, ma me le hanno comunicate solo in questi giorni. Appena ho saputo della prima sanzione ho pagato senza farmi troppe domande, idem negli altri due casi. Poi mi sono interessato per capire se ce ne fossero altre». Qui l’amara sorpresa: il signor Dell’Olio deve ancora ricevere almeno una decina di multe.

Una vera e propria raffica di sanzioni fotocopia. L’importo, se pagato entro cinque giorni dalla notifica, si aggira intorno ai 71 euro ciascuna. Altrimenti si pagano 96 euro. In totale il conto che il commerciante dovrà saldare può raggiungere i 1400 euro. «Lavoro in centro da quattro anni e non ho mai avuto problemi di questo tipo - racconta amareggiato - Ogni giorno faccio lo stesso percorso con mia moglie: raggiungo il negozio con la macchina, preparo le vetrine e quando ho finito uno di noi due riporta l’auto a casa, passando sotto le telecamere di via Cairoli. Vendiamo gioielli e orologi, non possiamo permetterci di lasciare la merce incustodita perché si tratta di metalli preziosi, e non abbiamo le vetrine blindate. Nel nostro caso un ritardo minimo è quasi fisiologico. Credo che il sistema della Ztl, da dicembre, mese di avvio del nuovo sistema di controllo elettronico, sia troppo fiscale. Ho chiesto più volte spiegazioni alla polizia locale, ma l’unica cosa che sono riusciti a consigliarmi è il ricorso al giudice. Non so come fare, ho già contattato il mio avvocato ma finché non mi vengono spedite tutte le multe non posso avviare questa procedura».


© RIPRODUZIONE RISERVATA