Sabato 01 Giugno 2013

Cento candele per l’asilo

Il grazie del cardinale

Un secolo di storia. Un secolo di ricordi tramandati di padre in figlio. Un secolo che ha reso Cabiate ancora più ricca di valori.

A festeggiare il centesimo compleanno della scuola dell’infanzia “Padulli” ieri c’erano proprio tutti. A cominciare dal sindaco Maurizio Brenna, dal cartinale Dionigi Tettamanzi e dal parroco don Carlo Travaglino.

Alla Cittadella della Cultura è stata scoperta la scultura realizzata dalla Scuola d’Arte su bozzetto di Osvaldo Minotti e offerta dall’Associazione anziani.

Significativa la presenza di Paola Padulli i cui avi, spiega don Carlo «nel 1911, sollecitati dall’allora parroco don Canali, donarono al comune 5 pertiche di terra per realizzare un oratorio–asilo».

Ad annodare le fila delle altre iniziative del centenario hanno poi provveduto Mario Maroni e Chiara Cattaneo, presidente e coordinatrice della Padulli. «È stata la festa di una comunità – ha spiegato Maroni – ma anche la testimonianza di come debba far proseguire nel tempo una scuola autentica espressione della nostra gente».

La messa nello stadio comunale è stata concelebrata dall’arcivescovo emerito, dal parroco e da altri sei sacerdoti.

Nel corso dell’omelia,il cardinale ha tratto spunti dalla prima lettera di Giovanni apostolo il cui tema centrale è quello dell’amore, invitando i genitori a riservare affetto e amore ai figli aiutandoli a crescere attraverso il buon esempio e la testimonianza di veri educatori.

© riproduzione riservata