Venerdì 04 Febbraio 2011

L'infanzia di Gesù all'Astra
Guido Chiesa la porta a Como

COMO - Un piccolo spostamento nel programma e, così, il divertente cinequiz Chi vuol esser dizionario? condotto, come ogni anno, da Luisa Morandini nell'ambito del festival Il cinema italiano, è andato in scena mercoledì sera, prima della proiezione del documentario I nove semi seguita da una degustazione di prodotti indiani. Serata particolarmente movimentata, quindi, con il regista Maurizio Zaccaro che si è fermato per incontrare, nella mattina di ieri, anche gli studenti per commentare L'articolo due, un film che ha quasi vent'anni ma è sempre attuale. La rassegna è definitivamente entrata nel vivo con alcuni dei titoli più interessanti della passata stagione: Io sono con te di Guido Chiesa (ieri sera e, stamani alle 10 per le scuole) ha fatto discutere per la sua “contro-storia” degli anni dell'infanzia di Gesù che i Vangeli sinottici tralasciano, una chiave d'interpretazione che pone Maria al centro, prima responsabile dell'educazione e delle idee di quel bambino.
Stasera, accompagnato dall'attore Claudio Casadio che presta il suo volto a uno degli uomini comuni travolti dalla Storia, ci sarà L'uomo che verrà di Giorgio Diritti, non a caso immagine di copertina scelta dai critici per Il Morandini di quest'anno (tre le copie regalate ai più cinefili in sala). Oggi pomeriggio alle 18 sarà proposto l'ultimo film da votare per il concorso Rivelazioni. Si tratta di Maledimiele di Marco Ricci, un lungometraggio che parla di un grande problema, l'anoressia, esprimendo un punto di vista non banale. Secondo la tesi del regista, questa malattia viene troppo spesso banalmente ricondotta al mondo della moda, con le ragazze che hanno un modello irraggiungibile di bellezza da imitare. <La moda impone delle immagini che diventano un immaginario - ha raccontato Pozzi in un'intervista a Sky24 - Ma è sbagliato e dannoso legare l'anoressia solo alla moda. È una malattia che ci interroga da vicino. Tutti. È una sorta di protesta, il non volersi uniformare a ciò che il contesto sociale propone e impone. Alle difficoltà di comunicazione all'interno della famiglia borghese. Per questo è così difficile avvicinarsi all'anoressia, perché ci chiama in causa>. I video sul sito www.dreamersonline.it
Alessio Brunialti

c.colmegna

© riproduzione riservata