Cantù è la città del pianoforte  Nasce la “Summer Feast”
Un momento della finale 2019 del Concorso internazionale del pianoforte di Cantù

Cantù è la città del pianoforte

Nasce la “Summer Feast”

Dal prossimo 14 settembre per iniziativa della “Nuova Scuola di Musica” - Tre giornate in cui gli studenti potranno confrontarsi a Villa Calvi con quattro maestri

Cantù è, ormai da decenni, città del pianoforte. Basti pensare al Concorso internazionale per pianoforte e orchestra che sta per compiere trent’anni. Dove, se non a Cantù, poteva nascere una “Piano Summer Feast”? Due fine settimana dedicati a chi studia il pianoforte, a chi l’ha studiato in passato e non disdegna ogni tanto di rimettere l mani sulla tastiera, ma anche a chi – curioso o interessato – vuole scoprire per una volta i segreti che portano a far correre le dita su tasti bianchi e neri per emozionare all’ascolto.

La nuova iniziativa della Nuova Scuola di Musica di Cantù è annunciata per i prossimi sabato 14, domenica 15 e domenica 22 settembre dalle 10 alle 20: tre giornate nelle quali giovani studenti, ma anche a chi ha compiuto studi pianistici nel passato e desidera confrontarsi con didatti e concertisti, potrà decidere di vivere una “full immersion” nel mondo del pianoforte.

Quattro maestri - Vincenzo Balzani, concertista e didatta attivo in tutto il mondo, ideatore e direttore artistico del concorso pianistico canturino; Anna Maria Bordin, Cristina Molteni direttrice della Nuova Scuola di Musica e Antonio Tarallo – saranno presenti alla Sala Rossi di villa Calvi per tenere una masterclass originalissima intorno al mondo del pianoforte, dando lezioni individuali e collettive ed offrendo ai giovani pianisti, ma anche i semplici appassionati di musica, la possibilità di conoscere e fare lezione con grandi didatti.

In particolare, Vincenzo Balzani sarà a disposizione degli studenti nella giornata di domenica 22, a partire dalle ore 10. All’interno della giornata, il maestro milanese terrà un particolare seminario da lui intitolato “Smart-phone: pregi e difetti nella quotidianità del pianista”, durante il quale suggerirà come un oggetto di comune uso contemporaneo come lo smartphone possa diventare uno strumento utile allo studio.

Nelle giornate di sabato 14 e domenica 15 si potranno incontrare Anna Maria Bordin, concertista e docente presso il Conservatorio Paganini di Genova, e Cristina Molteni, pianista, didatta e Presidente del Concorso Internazionale Città di Cantù per pianoforte ed orchestra; ci sarà anche il laboratorio tenuto da Antonio Tarallo, docente al Conservatorio di Piacenza, dal titolo emblematico di “Il pianoforte: lo strumento meno conosciuto dai pianisti”. In due ore di attività laboratoriale i partecipanti avranno la possibilità anche pratica di conoscere aspetti sulla nascita, costruzione e funzionamento tecnico del pianoforte sull’accordatura e l’intonazione, le corde, le caratteristiche timbriche proprie di ogni strumento, la meccanica, il pedale.

Dalle 18.30 delle due domeniche i partecipanti al Piano Feast 2019 potranno esibirsi in concerto offrendo pubblicamente la propria abilità: ai tutti gli esecutori verrà offerta la registrazione audio del concerto realizzata con strumenti professionali.

Le iscrizioni al Cantù Piano Summer Feast 2019 sono aperte fino a dopodomani, lunedì 9; per partecipare basata inviare una mail a info@scuoladimusica.it. Informazioni al telefono 335-7041043.


© RIPRODUZIONE RISERVATA