Giovedì 30 Maggio 2013

I Kasabian a Milano

Joe Satriani a Trezzo

Tom Meighan dei Kasabian

Sulla carta questa è la bella stagione e il rock pare essersi stufato delle continue piogge.

A gettare il guanto di sfida definitivo sono i Kasabian che hanno prenotato la piazza del Duomo di Milano per stasera. È un ritorno repentino nel capoluogo lombardo per Tom Meighan (voce), Sergio Pizzorno (voce, chitarra e tastiere), Chris Edwards (basso) e Ian Matthews (batteria e percussioni), già protagonisti di uno scatenato concerto l’anno scorso all’Ippodromo di San Siro.

Era per il festival “City sound”, ora è per gli “Expo days”, ma la sostanza non cambia visto che l’ultimo album del quartetto resta “Velociraptor!” di due anni fa. Chi vincerà? La musica o il temporale? Ieri sera la prevista inaugurazione della stagione del “Carroponte” a Sesto San Giovanni è stata rinviata proprio a causa delle forti piogge: il Teatro degli Orrori recupera verso la fine, il 29 agosto.

Stasera, invece, nell’area della ex Breda di via Granelli 1, lo spazio dovrebbe essere tutto per il cantautore americano Adam Green (biglietti a 10 euro). Chi sperava che arrivasse in Italia accompagnato dalla cantante californiana Binki Shapiro, con cui ha realizzato un bell’album di duetti, resterà deluso: il ragazzo di New York è da solo, ma avendo alle spalle ben sette dischi da cui attingere brani non resterà certo a corto di repertorio.

Al Live Club di via Mazzini 58 a Trezzo sull’Adda, il palco è tutto per il funambolico chitarrista Joe Satriani (biglietti a 35 euro). Strumentista virtuoso, eccessivo, capace di fare tutto, ma proprio tutto con la sua chitarra, questa star americana ha venduto ben dieci milioni di dischi in tutto il mondo nonostante proponga musica strumentale, apprezzata principalmente da altri musicisti che cercano di raggiungere i suoi inarrivabili livelli. L’ultimo album “Unstoppable moment” non fa eccezione, con voti altissimi dalle riviste e dai siti specializzati nelle sei corde. In questo tour Satriani è accompagnato da Mike Keneally (tastiere), Bryan Beller (basso) e Marco Minnemann (batteria).

© riproduzione riservata