Il garage rock secondo Koizumi
Notte con l’ondata The Morlocks

Il leggendario gruppo americano protagonista stasera al Joshua Blues Club di Como

Il garage rock secondo Koizumi Notte con l’ondata The Morlocks
The Morlocks

Un leggendario gruppo americano della prima ondata revivalistica garage rock, The Morlocks, sarà stasera, 26 gennaio, protagonista di una attesa esibizione live al Joshua Blues Club di via Cantoniga 11 ad Albate, inizio alle 21, ingresso a 10 euro + tessera Acsi. Il primo disco, “Emerge”, è del ’85, un lavoro che condusse la formazione alle porte della gloriosa Epitaph. L’etichetta californiana, convinta dalla carica che la band sprigionava nelle infuocate esibizioni dal vivo, diede alle stampe un album live registrato in studio: “Submerged Alive”.

Da li in poi il percorso del gruppo sarà costellato di vicende turbolente e legate a filo doppio con il vissuto del suo leader, il cantante, di origine giapponese, Leighton Koizumi, unico membro rimasto della formazione originale. In concerto, oggi, sabato 26 gennaio, ad accompagnare Koizumi, ci saranno Rob Lowers - batteria (Link Wray, Q-65, The Fuzztones), Oliver Pilsner - basso (The Cheeks, The Fuzztones), Bernadette Pitchi - chitarra (Sonny Vincent, Humpers, Gee Strings) e Marcello Salis - chitarra (Gravedigger V, Hangee V), tutti musicisti con provata esperienza nel panorama garage punk degli anni Ottanta.

Il tour che stasera farà tappa nel Comasco sta portando in giro “The Mesmeric Condition”, album pubblicato nel 2018 con 10 brani inediti, il primo dopo un lungo periodo in cui i Morlocks hanno concentrato la loro produzione in sporadiche uscite con singole canzoni. Lo show sarà aperto dai Sonic Graves.  
Fabio Borghetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA