Irina Solinas:  «Vi presento Mame»
Irina Solinas

Irina Solinas:

«Vi presento Mame»

La violoncellista e compositrice comasca lancia un sito tutto nuovo accompagnato da un blog - Mediterranean Ambassadors Music Experience: un “diario di bordo” di una lunga esperienza internazionale

Da Occidente ad Oriente, da Como alla Cina alla scoperta di sonorità antiche e nuove forme musicali, ripercorrendo la suggestione creativa dei paesi affacciati sul Mediterraneo, abbracciando idealmente tutta la straordinaria ricchezza artistica lungo la prestigiosa Via della Seta.

Questo è l’obiettivo e il senso profondo di Mame – Mediterranean Ambassadors Music Experience, il progetto della violoncellista e compositrice comasca Irina Solinas, nato in seno a Palazzo Marino di Milano nella primavera 2018 con l’intento di coinvolgere una rete internazionale di musicisti che trae ispirazione dall’esperienza maturata da The Silkroad Ensemble, l’orchestra fondata dal violoncellista cinese naturalizzato statunitense Yo-Yo Ma alla fine degli anni Novanta allo scopo di promuovere la cooperazione tra artisti e istituzioni.

Due anni di viaggi, incontri, studio, ricerca e bellezza, che hanno visto Irina collaborare con alcuni illustri componenti del collettivo Silkroad, tra cui il Maestro indiano Sandeep Das, il compositore cinese Wu Tong (entrambi vincitori di un Grammy Award) e la musicista palestinese Huda Asfour e che oggi, alla vigilia del secondo compleanno di Mame, si prepara al lancio di un sito tutto nuovo , accompagnato da un blog , una sorta di “diario di bordo” per raccontare percorsi, personaggi, luoghi e armonie.

«L’idea alla base del blog è proprio quella di far parlare Mame in prima persona – ha commentato la musicista – perché la sua realtà è fatta di moltissimi elementi legati al passato, ancorati al presente e proiettati verso il futuro, tante piccole particelle che portano alla nascita di atmosfere, contenuti, sonorità e ambienti nuovi e diversi. Di volta in volta, Mame narrerà la sua storia, intervisterà musicisti e addetti ai lavori, condurrà il pubblico all’incontro con paesi, culture e tradizioni musicali differenti, proprio in un momento in cui il buonsenso e l’emergenza sanitaria ci permettono di viaggiare solo con la fantasia».

Ma nella grande “pentola” geniale di Irina Solinas bolle anche altro, come la partecipazione ad un evento internazionale che si terrà alla fine del prossimo mese. «Sono stata contatta dal compositore Raymond J. Lustig, membro della facoltà di composizione della prestigiosa Juilliard School di New York, per prendere parte al festival telematico Earth Day Art Model che si terrà il 22 aprile, in occasione del 50° anniversario della Giornata mondiale della Terra. È un grande onore, sia per me che per il progetto Mame, perché avrò la possibilità di esibirmi, sempre grazie alla tecnologia, insieme a due musiciste straordinarie, la violinista Jing Yang e la cantante Anjena Rajagopalan, unendo virtualmente Como alla città cinese di Fujian Xiamen e a quella indiana di Chennai».

Il Telematic Festival ospiterà e trasmetterà in streaming su piattaforme interattive, per circa 24 ore, eventi di musicisti, performer, artisti, scrittori e ballerini che si ispireranno al tema “Vivere con la Terra”, con l’intento di evidenziare le attuali prospettive artistiche della relazione umana con il pianeta, spaziando dalle illuminazioni più creative alle opere basate su dati scientifici.


© RIPRODUZIONE RISERVATA