Erba, folla per gli ambulanti del Forte  Ma la polemica non si placa
La folla in corso XXV Aprile per le bancarelle degli ambulanti di Forte dei Marmi (Foto by Bartesaghi)

Erba, folla per gli ambulanti del Forte

Ma la polemica non si placa

Migliaia di persone tra gli stand con il marchio della Versilia. Confcommercio applaude: «Evento positivo, chi ha aperto s’è fatto conoscere». Confesercenti: «Un danno agli espositori locali, faremo un esposto»

Migliaia di persone a passeggio sul corso principale della città. Se l’obiettivo dell’amministrazione era risvegliare Erba almeno per una domenica, il traguardo è stato raggiunto: da mattina a sera, ieri tantissimi visitatori hanno girato il centro attirati dal mercato degli ambulanti di Forte dei Marmi. «È stato un esperimento - dice il vicesindaco Erica Rivolta - ora voglio capire dai negozi e dagli esercizi di vicinato se ci sono stati dei benefici e se hanno tratto dei vantaggi».

I banchi del Forte sono arrivati all’alba e si sono posizionati lungo corso 25 Aprile, completamente chiuso al traffico fino alle nove di sera. L’organizzazione è stata molto articolata, non sono mancati i disagi per i residenti ma tutto sommato l’esperimento ha funzionato: migliaia di persone hanno passeggiato in un’ampia isola pedonale.

Entusiasta è Giorgio Meroni, il consigliere comunale che ha proposto l’evento e seguito l’organizzazione. «Mi sembra proprio che la sfida sia stata vinta : così tante persone in centro la domenica non si erano mai viste. I pubblici esercizi hanno lavorato tantissimo e mi ha fatto piacere vedere che molti negozi hanno deciso di tenere aperto, per far vedere le vetrine».

Furibonda invece Confesercenti, che ha dato battaglia da settimane contro l’arrivo degli ambulanti versiliani: «Ora i nostri ambulanti per due settimane non lavoreranno, ringraziamo proprio il Comune e la Lega - dice il presidente provinciale Claudio Casartelli - Comunque noi andiamo avanti con la nostra battaglia legale contro chi riteniamo utilizzi un marchio falso e faremo un esposto»

© RIPRODUZIONE RISERVATA