Erba, negozi e pubblicità   al braccio di ferro
L’attività di Oscar Manzoni era stata multata per avere esposto manifesti pubblicitari

Erba, negozi e pubblicità

al braccio di ferro

Pubblicato il bando per gestire l’accertamento e la riscossione delle imposte per i prossimi cinque anni

Ecco il bando di gara per la gestione, l’accertamento e la riscossione delle imposte pubblicitarie e del canone di occupazione del suolo pubblico.

A poche settimane dalla scadenza della concessione in atto, il Comune di Erba ha aperto la nuova gara attraverso la stazione appaltante della Provincia di Como. Il risultato è molto atteso dai commercianti che criticano l’eccessiva rigidità nella fase di accertamento: «Servono regole più chiare - ribadiscono da Confcommercio - speriamo di poter riscrivere il regolamento insieme all’amministrazione».

Il contratto con la San Marco Spa scade il 31 dicembre e la Provincia di Como - che appalta per conto del Comune di Erba - ha appena approvato la procedura per l’affidamento del servizio dal primo gennaio 2019 al 31 dicembre 2023. La novità è che il vincitore non si occuperà solo dell’imposta sulla pubblicità e dei diritti sulle affissioni, ma anche del canone per l’occupazione del suolo pubblico e della Tari giornaliera.


© RIPRODUZIONE RISERVATA