Eupilio, esordio in salita per Spinelli  Il Garante: «Violate le regole elettorali»
Il sindaco Alessandro Spinelli (Foto by Bartesaghi)

Eupilio, esordio in salita per Spinelli

Il Garante: «Violate le regole elettorali»

Sanzione perché una comunicazione ufficiale del Comune indicava di votare per lui. Le scuse del suo predecessore: «Non avevamo tolto il logo del municipio su un volantino»

Comincia con un intoppo il mandato del neosindaco Alessandro Spinelli. La scorsa amministrazione capitanata da Cinzia Bergamasco ha scorrettamente aggirato le leggi elettorali a detta del Garante nelle Comunicazioni.

L’episodio è avvenuto in piena campagna elettorale, quando l’amministrazione ha inviato ai cittadini una comunicazione ufficiale con un consuntivo dei cinque anni di mandato in cui s’invitava tra l’altro a votare per Spinelli. Per questo motivo per quindici giorni sul sito del Comune all’indirizzo www.comune.eupilio.co.it apparirà una nota del garante.

Ha giurato insomma venerdì sera il nuovo sindaco Alessandro Spinelli ma già ha capito quanto sarà difficile la battaglia all’interno dell’amministrazione con il suo rivale e capogruppo di minoranza Pompilio Sturdà, che ha assicurato un’attenta attività di controllo su quanto farà l’amministrazione e ha chiesto al sindaco, oltre al rispetto della decisione del garante, se il volantino elettorale inviato fosse stato pagato da tutti gli eupiliesi.

Il consiglio di venerdì, in una sala civica caldissima, ha visto delineata la nuova giunta che vedrà come vicesindaco Emanuela Zanconi, la più votata per altro con sessanta preferenze. A margine del consiglio comunale l’ormai ex sindaco Cinzia Bergamasco ha spiegato quanto accaduto con il Garante nelle Comunicazioni: «Noi avevamo preparato un consuntivo degli ultimi cinque anni d’amministrazione, semplicemente per dei ritardi l’abbiamo inviato già in campagna elettorale e non c’eravamo accorti fosse presente il logo del Comune di Eupilio. Nel foglietto c’era scritto, in una riga, che era preferibile votare Alessandro Spinelli».


© RIPRODUZIONE RISERVATA