Ghisallo, inaugurato  il busto di Fiorenzo Magni
Le figlie del Leone delle Fiandre, Beatrice e Tiziana, con Ernesto Colnago davanti al busto (Foto Gandola)

Ghisallo, inaugurato

il busto di Fiorenzo Magni

Magreglio: cerimonia alla presenze delle due figlie

Posizionato all’ingresso del Museo del Ciclismo

che aveva voluto: ora sta accanto ai grandi rivali Coppi e Bartali

Fiorenzo Magni è tornato nella sua casa. Lì sul Belvedere Romeo con lo sguardo rivolto verso il Santuario del Ghisallo e alle spalle lago e monti. A pochi passi dalla porta del Museo quasi a stringere le mani di chi vi entra, come faceva in vita. Sul Colle del Ghisallo è stato scoperto il busto dedicato al “Leone delle Fiandre” donato da Ernesto Colnago, il notissimo costruttore di bicicletta a cui era legato da una grande amicizia. Erano presenti anche le figlie del grande campione, Beatrice e Tiziana.

Presenti il sindaco di Magreglio Danilo Bianchi, il presidente della Fondazione Museo del Ghisallo Antonio Molteni, la direttrice del museo Carola Gentilini, Ernesto Colnago, alcuni campioni del ciclismo e Riccardo Guasco, illustratore della “Gazzetta dello Sport”.

Della benedizione del busto si è occupato il parroco di Magreglio don Giovanni Giovannoni che ha rivolto una preghiera a Magni e ha ricordato come a spingere il campione, che fortemente voluto il museo sul colle, sia stata anche la sua grande fede e passione religiosa. Scomparso nel 2012 a 91 anni, Magni è stato l’ideatore, l’anima e l’ispiratore del Museo del ciclismo, che sorge accanto alla storica chiesetta.

Gli articoli su La Provincia di venerdì 22 marzo


© RIPRODUZIONE RISERVATA