Giù il vecchio ponte della teleferica  A Merone via Diaz chiusa per 20 ore
Il ponte a protezione dell’ex teleferica (Foto by Stefano Bartesaghi)

Giù il vecchio ponte della teleferica

A Merone via Diaz chiusa per 20 ore

Stop al traffico dalle 14 di martedì alle 10 di mercoledì. Le deviazioni saranno segnalate. La struttura in ferro verrà demolita interamente: a fine mese toccherà a quella sulla Como-Lecco

Chiude completamente per venti ore via Diaz: è in programma infatti la demolizione del cavalcavia della cementeria sulla strada, l’ultimo da abbattere per quanto riguarda il paese. Via Diaz è una comoda e sfruttatissima alternativa alla Nuova Valassina verso Milano ma è anche e soprattutto la via che utilizzano molti pendolari per arrivare alla stazione di Merone.

Uno scalo importante e frequentato perché dotato di un ampio parcheggio e perché solo qui s’incrociano le linee Milano–Asso e Como–Lecco.

La struttura sovrasta via Diaz

La struttura sovrasta via Diaz
(Foto by Stefano Bartesaghi)

Con l’ordinanza emessa dal commissario di polizia locale di Merone Serafino Fumagalli si stabilisce «la chiusura totale al transito sia veicolare che pedonale per entrambi i sensi di marcia nel tratto interessato ai lavori dalle 14 di martedì 13 novembre alle 10 di mercoledì 14 novembre».

La viabilità alternativa sarà naturalmente segnalata con l’apposita cartellonistica. Provenendo da Erba attraverso via Roma si potrà prendere via Puecher, poi la Sp 41 fino allo svincolo per via don Moranzoni e via Volta. Per chi invece arriva da via Volta in direzione Erba, si può sempre utilizzare la Nuova Valassina per saltare l’interruzione e uscire al cimitero in via Puecher. Anche per raggiungere la Stazione di Merone in questi giorni l’ideale è utilizzare la provinciale ed uscire alla cementeria.

Dopo Merone il prossimo intervento molto impattante per il traffico sarà sulla Como-Lecco al confine tra Eupilio ed Erba. Anche qui si deve togliere il cavalcavia in ferro ed è prevista una notte di chiusura per la provinciale. I lavori in un primo momento era programmati per ieri, domenica, ma poi sono stati spostati a fine mese.


© RIPRODUZIONE RISERVATA