«L’acqua di casa sua è contaminata  Così mi ha rubato soldi e gioielli»
Il fenomeno delle truffe non conosce pause

«L’acqua di casa sua è contaminata

Così mi ha rubato soldi e gioielli»

Montorfano: falso tecnico inganna uomo di 82 anni dicendo di essere il figlio dello storico vigile

Anziano di 82 anni derubato in casa da un falso tecnico dell’acqua. È successo sulle prime pendici del Monte Orfano, dove il malvivente ha lasciato paura, rabbia e sconcerto.

Il ladro è riuscito con l’inganno a circuire l’anziano e si è fatto consegnare tutto l’oro e alcuni contanti che l’uomo aveva in casa: secondo una primissima parziale stima della figlia, il bottino potrebbe sfiorare i 10mila euro. La famiglia, frastornata e impaurita per l’accaduto, sottolinea che quanto è successo ha dell’incredibile.

L’anziano si trovava nel giardino di casa, quando un giovane, probabilmente di età compresa tra i 20 e i 30 anni, quasi certamente italiano, si è presentato con gentilezza ed educazione al cancello di casa. «Conosceva bene i nostri nomi e si è presentato a mio padre dicendo che era un mio amico e facendo, non so come, il mio nome: in pochi attimi ha vinto le diffidenze, rassicurandolo – racconta la figlia – Addirittura si è finto figlio del nostro compianto e storico vigile. Poi ha insistito per fare verifiche in casa, parlando di un problema di acqua inquinata, che aveva causato anche presunti malori ad altri concittadini».

Una volta all’interno ha fatto aprire i rubinetti, riuscendo a convincerlo - non ci sa come ma non si esclude l’uso di qualche sostanza per stordirlo - a fargli mettere ori e denaro prima in un sacco e poi nel frigorifero. Quindi la fuga. L’anziano è stato anche colto da un malore quando si è reso conto di essere stato raggirato.

Il racconto su La Provincia di venerdì 9 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA