Isola Comacina, ecco le telecamere
«Finalmente il canale in sicurezza»

Tremezzina: l’installazione prevista per il 24 maggio, dopo un dibattito durato molti anni. Il comandante della Polizia locale: «Deterrente importante»

Isola Comacina, ecco le telecamere «Finalmente il canale in sicurezza»
Il traffico delle barche nel canale dell’Isola Comacina, che crea spesso situazioni pericolose

Finalmente ci siamo. Martedì prossimo inizierà l’installazione delle cinque telecamere chiamate a monitorare il canale dell’isola Comacina, considerato a buon diritto uno degli angoli più suggestivi dell’intero lago di Como, dentro il quale più volte sono stati segnalati e raccontati (anche dal nostro giornale) episodi da “far west” legati alla velocità dei natanti da diporto in transito, ma anche alla convivenza sempre più difficile con i bagnanti impegnati nella pericolosa traversata a nuoto tra la riva di Ospedaletto di Ossuccio e l’isola.

Tutto questo senza dimenticare le legittime rimostranze dei residenti per il moto ondoso. La conferma di questo passo importante in ottica sicurezza - in parte frenato dalla burocrazia e dalle dinamiche imposte dalla pandemia - è arrivato ieri dal comandante della polizia locale di Tremezzina, Massimo Castelli, al cui sistema di videosorveglianza intercomunale faranno capo anche questi cinque occhi elettronici, che andranno ad affiancarsi alla novantina di telecamere già in essere nei quattro Municipi di Tremezzina. «Si tratta di un deterrente importante. Potremo avere così una fotografia in presa diretta di quanto accade dentro il canale dell’isola». Seguirà il rifacimento e potenziamento della segnaletica per la sicurezza nel canale, con un investimento complessivo di 55 mila euro, con un cofinanziamento regionale. Dentro il canale saranno posizionate quattro boe multiuso. (M. Pal.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}