San Fedele, medico chiude l’ambulatorio  «Non ci sono le condizioni igieniche»
L’ambulatorio medico a Villa Somaini di San Fedele

San Fedele, medico chiude l’ambulatorio

«Non ci sono le condizioni igieniche»

Il dottor Alberto Robbiati ha invitato gli assistiti a recarsi a Ramponio Verna. Gli altri medici continuano l’attività a Villa Somaini

Decisione choc del medico di famiglia Alberto Robbiati che ha deciso di sospendere l’attività nell’ambulatorio medico di Villa Somaini a San Fedele Intelvi: «Il dottor Robbiati - si legge nell’avviso affisso nella sala d’attesa dell’ambulatorio - in considerazione delle condizioni igienico sanitarie e di gestione generale del Presidio Sanitario in San Fedele che non garantiscono le condizioni di sicurezza imposte dalle normative nazionali e regionali, ha deciso di sospendere l’attività in tale sede ed effettuarla negli identici orari presso l’ambulatorio comunale di Alta Valle Intelvi ,località Ramponio».

Villa Somaini a San Fedele Intelvi

Villa Somaini a San Fedele Intelvi

Fin qui è stato l’unico medico che visita a Villa Somaini a decidere di “chiudere” l’ambulatorio e a invitare i pazienti a recarsi altrove. Gli altri medici continuano la loro attività. Le condizioni di Villa Somaini sono ben note a tutti, a iniziare dal Comune di Centro Valle Intelvi proprietario dell’edificio; manca addirittura di acqua calda. «Gli spazi di Villa Somaini - spiega il sindaco Mario Pozzi - sono stati concessi in comodato all’Asst Lariana e Ats Insubria. Gli interventi di sanificazione, di manutenzione ordinaria così come quello della pulizia spettano a loro. Sulla questione esiste poi un altro problema, quello relativo al ricevimento dei pazienti. Ci sono medici che visitano,a mio avviso giustamente, su appuntamento, e altri invece no. Occorrerebbe avere una linea condivisa e comune ai medici. Ognuno invece si regola come crede. E questo sicuramente non aiuta la causa». Villa Somaini ospita gli uffici dell’ Asst , gli ambulatori dei medici di base e quelli del pediatra, il centro vaccinazioni, il medico di guardia, il centro prelievi, il presidio stagionale sanitario turistico, quello veterinario, l’Avis, associazioni civiche e di volontariato, l’ufficio postale e alcuni appartamenti del comune. Fino a due anni fa è stata la sede locale della Croce Rossa.

(Francesco Aita)


© RIPRODUZIONE RISERVATA