Una discarica a cielo aperto nei boschi

Blessagno L’area è stata bonificata dagli operai del comune. Trovato ogni tipo di rifiuto. Il sindaco: «Atto di inciviltà»

Una discarica a cielo aperto nei boschi
I rifiuti abbandonati nei boschi di Blessagno

Una vera e propria discarica abusiva a cielo aperto quella rinvenuta nei giorni scorsi dagli operai del comune di Blessagno in una radura boschiva poco prima l’ingresso del centro abitato, costretti a fare gli straordinari per bonificare l’area.

In Valle d’Intelvi, putruppo, in fatto di abbandono di rifiuti, l’inciviltà regna sovrana.

Lo scenario che si è presentato ai dipendenti del comune ha fatto arrabbiare gli operatori ecologici e lo stesso sindaco Piero Righetti per una situazione a dir poco vergognosa. «Si è trattato di un vero e proprio atto di inciviltà che non attiene solo il decoro ambientale e l’igiene pubblica ma anche un comportamento censurabile sotto l’aspetto economico e passibile di multa- ha detto il sindaco Righetti- Non basta solo una sanzione salata per punire i responsabili. Dovrebbero essere obbligati a rimuovere tutto il pattume».

In giro si trova di tutto. Dai pneumatici agli elettrodomestici, divani, inerti, spazzatura domestica , batterie di auto bidoni di plastica ,bottiglie di vetro e lattine vuote.

«L’impegno quotidiano degli operatori, cittadini e volontari di tenere pulito il territorio- ha aggiunto il sindaco- viene spesso vanificato da soggetti che invece non hanno alcun senso civico e rispetto per il posto in cui vivono . Gente- conclude- che deturpa ignobilmente le bellezze del territorio, oltre che rappresentare un serio pericolo per la fauna selvatica e la flora spontanea molta della quale appartenente a specie protetta».

Un problema serio quello dell’abbandono illegale di rifiuti che interessa tutti i comuni della Valle d’Intelvi.

Quotidiane sono le segnalazioni per sensibilizzare cittadini e utenti al rispetto delle regole , così come gli avvisi e le raccomandazioni da parte dei comuni accompagnate dalle relative sanzioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA