Addio all’alimentari di Gironico.Ha chiuso dopo quasi 80 anni

Colverde «Dispiace abbassare le serrande, era parte della nostra vita». Il sindaco: «Ringraziamo Gabriella per il servizio a favore del paese»

Addio all’alimentari di Gironico.Ha chiuso dopo quasi 80 anni
La vetrina del negozio Alimentari Gabri e, dietro, Gabriella Frangi

Aveva aperto nel lontano 1946: e da allora il negozio “Alimentari Gabri” di Gabriella Frangi, di via Como, a Gironico, gestito con l’aiuto occasionale del marito Nicola Bisesti, e il servizio consegne del fratello Pasquale Frangi, è rimasto sempre aperto. Sabato 31 dicembre ha abbassato le serrande per l’ultima volta. Fra i clienti del negozio a salutare e ringraziare per la lunga attività svolta al servizio della comunità c’è anche il sindaco del Comune di Colverde, Gianni Frangi. «Un negozio conosciuto –ha detto- praticamente da tutti non solo a Gironico ma anche nel circondario visto la sua attività ultra-decennale. Un forte ringraziamento da parte dell’amministrazione comunale per quello che hanno fatto e portato avanti un’attività in un settore molto difficile specialmente in questi ultimi anni segnati dalla pandemia, dal rincaro dei prezzi e dalla globalizzazione che ha visto la nascita dei grandi punti di vendita come i supermarket».

«Il tempo è trascorso ed è arrivato il momento anche per il nostro esercizio commerciale di terminare l’attività. Da una parte dispiace perché il negozio faceva parte della nostra vita»

L’attività è iniziata nel 1946 appunto, come una piccola rivendita di alimentari gestita dai genitori di Gabriella, attività che serviva a mantenere la famiglia, con otto figli. Il negozio è passato poi a uno dei figli, il quale l’ha ceduto con passaggio di proprietà alla sorella Gabriella che già collaborava, con l’aiuto del marito. Entrambi hanno detto basta e chiuso il negozio con alle spalle, Gabriella Frangi 42 anni di ininterrotto servizio e Nicola Bisesti , 22. Nel cuore della frazione, la famiglia Frangi è diventata un vero e proprio punto di riferimento del paese. La decisione è stata comunicata ai clienti dal 7 dicembre 2022, con un volantino. Clienti che, nonostante la lunga catena di distribuzione, continuavano ancora a frequentare il negozio .

La famiglia Frangi ha ringraziato le tante persone che nel corso degli anni si erano trasformate da clienti ad amici. «Il tempo è trascorso - hanno detto moglie e marito- ed è arrivato il momento anche per il nostro esercizio commerciale di terminare l’attività. Da una parte dispiace abbassare definitivamente le serrande perché il negozio faceva parte della nostra vita e io, “Gabri”, ero cresciuta con esso”»

«Sono stati anni bellissimi, faticosi, ma bellissimi. Abbiamo condiviso tantissime emozioni, giorni di gioia e giorni di dolore, sempre insieme, sempre presenti»

“Gabri” ha ringraziato tutti i clienti che negli anni sono rimasti fedeli e le hanno accordato la loro fiducia, ma ha ringraziato anche quelli che sono entrati a fare spesa una sola volta. Così ha scritto un messaggio: «cari clienti come sapete dopo circa 80 anni di attività chiudiamo il nostro alimentari. Con questa breve lettera, io e la mia famiglia vorremmo ringraziarvi! Sono stati anni bellissimi, faticosi, ma bellissimi, anni in cui abbiamo servito diverse generazioni cercando di mantenere immutato l’impegno, l’onesta e la passione che da sempre ci contraddistingue. Abbiamo condiviso tantissime emozioni, giorni di gioia e giorni di dolore, sempre insieme, sempre presenti”».

E ha concluso la lettera con una frase di San Francesco d’Assisi: «Cominciate col fare il necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile». Chiude, dunque, definitivamente il negozio che vantava un’attività la più vecchia del territorio non solo di Gironico, ma di tutto il circondario. Con la chiusura, avvenuta sabato 31 dicembre, il centro storico gironichese ha perso il più vecchio punto commerciale che costituiva un pezzo della sua storia. Ha chiuso, dunque, un altro negozio storico di Gironico, dopo il panificio e tanti altri esercizi pubblici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA