Faloppio, l’emergenza è finita  Domani l’acqua torna potabile
L’autobotte dei vigili del fuoco che garantiva il flusso d’acqua

Faloppio, l’emergenza è finita

Domani l’acqua torna potabile

Dalle 16 non sarà più necessario bollirla: pompa riparata. Il consigliere Endrizzi: «Questo acquedotto ormai è sottodimensionato»

Dopo tre giorni finisce l’emergenza in paese. Dalle 16 di domani pomeriggio tornerà a scorrere dai rubinetti l’acqua potabile e il sindaco, Giuseppe Prestinari, revocherà l’ordinanza che era stata emessa sabato mattina, a seguito della rottura della pompa di maggiore capacità del pozzo della Val Mulini, mentre quella piccola continuava a funzionare.

Pompa che da sola non riusciva a riempire le vasche di distribuzione dell’acquedotto, per cui sono stati allertati la Protezione civile e i vigili del fuoco che per tre giorni hanno continuato a trasportare con le autobotti l’acqua riversandola nelle vasche che alimentano le condutture di Gaggino e Camnago.

Tutto questo però indica che sono necessari correttivi all’acquedotto. A informare in tempo reale i cittadini sui social è stato il consigliere di minoranza Antonio Endrizzi sul gruppo Facebook “Sei di Faloppio se”, da lui stesso gestito. E spiega: «Non si può pensare che un sistema idrico realizzato per servire tremila abitanti possa essere adeguato per servirne cinquemila, quanti siamo adesso».


© RIPRODUZIONE RISERVATA