Olgiate, allarme spaccio alla Baragiola        I residenti hanno ripulito i boschi
La zona boschiva come si presenta oggi, dopo l’intervento dei volontari

Olgiate, allarme spaccio alla Baragiola

I residenti hanno ripulito i boschi

Nei giorni scorsi era stata segnalata la presenza di bivacchi, con immondizia ovunque. Il sindaco: «Un esempio di civiltà, persone che dimostrano attaccamento al loro territorio»

Residenti e istituzioni in campo contro il degrado, raccolti rifiuti nei boschi frequentati da spacciatori e tossicodipendenti. Spazzatura abbandonata da chi usa i boschi come piazza di spaccio e da chi li utilizza come discarica a cielo aperto.

Grazie a un gioco di squadra tra cittadini e amministrazione comunale è stata ripulita la collina tra il ponte di Baragiola e la zona Avon dove era stata segnalata la presenza di diversi rifiuti e carbonella, frutto sia del malcostume di incivili di abbandonare immondizia che dei bivacchi degli spacciatori che stazionano nelle aree boschive in attesa di clienti. Due fenomeni – spaccio e scarichi selvaggi di rifiuti – purtroppo non infrequenti a Baragiola, ma stavolta da una criticità è scaturito un messaggio di civiltà e di riappropriazione dei boschi del territorio.

«A fronte di alcuni cittadini che avevano segnalato l’abbandono dei rifiuti a Baragiola e di una chiacchierata in pizzeria con alcuni cittadini, la collinetta è stata ripulita – dichiara il sindaco Simone Moretti – Un gruppo di volenterosi residenti in zona Avon si è attivato per raccogliere i rifiuti abbandonati. Li hanno riposti in sacchi e poi gli operai comunali, coordinati dall’ufficio ambiente e lavori pubblici, hanno portato via tutto quello è stato raccolto». Prima della pulizia il colpo d’occhio della scarpata di Baragiola era decisamente desolante, tanto era costellata di immondizia sparpagliata ovunque e frammista a carbonella. Rifiuti probabilmente in parte riconducibili anche a rimasugli di bivacchi di spacciatori.

L’articolo completo su La Provincia in edicola oggi, 24 gennaio


© RIPRODUZIONE RISERVATA