Un altro cane ferito a Faloppio  «Quel meticcio è pericoloso»
Marley ha rimediato dei graffi sulla pancia ed è dolorante

Un altro cane ferito a Faloppio

«Quel meticcio è pericoloso»

Nuova aggressione in via Verdi dopo il ferimento di una donna: «Passeggiavo con il mio Marley quando siamo stati assaliti all’improvviso»

A distanza di nemmeno una settimana, nuova aggressione ai danni di un cane a Camnago. Qualche giorno fa una donna di 25 anni di Camnago era andata a fare una passeggiata con il suo cane Marley. Si tratta di un maschio di 5 anni che è un incrocio tra un pastore maremmano e un australiano di 40 chili.

Marley durante l’uscita è stato aggredito dallo stesso cane meticcio che la scorsa settimana aveva assalito, graffiandola su un braccio un’altra donna, che in quel caso che ha fatto in tempo a prendere in braccio il suo chiwawa che era stato preso di mira dallo stesso cane sempre nella stessa zona di Camnago.

«Sono andata a camminare verso le 16.30 con il mio Marley – racconta – quando in via Verdi a Camnago ho visto un anziano che si trovava insieme al suo cane sul marciapiede sul lato destro opposto la sua abitazione. E come faccio sempre quando vedo qualcuno ho tirato il mio cane più vicino a me. Ma a un certo punto l’altro animale si è messo a correre verso di noi e si è attaccato alla pancia del mio Marley».

«L’anziano allora mi ha detto in malo modo di staccare il suo cane dal mio - aggiunge -, ma gli ho risposto che doveva farlo lui. Poi l’anziano si è avvicinato e ha dato un calcio al suo cane per staccarlo ma subito dopo il meticcio è tornato alla carica contro il mio e nuovamente si è attaccato alla pancia. Allora il proprietario risentito e nemmeno mi ha chiesto scusa, è riuscito a portare via il suo cane e l’ha chiuso all’interno della recinzione della sua abitazione».

Aggiunge la donna: «Se quel cane è aggressivo, il proprietario non deve farlo uscire fuori dall’abitazione e se ci fosse stato un bambino non so cosa sarebbe potuto accadere». È stata fatta segnalazione dell’accaduto alla Polizia locale “Terre di frontiera”.

Laura Tartaglione


© RIPRODUZIONE RISERVATA