Documenti, iter, tempi e doppio cantiere  Perché lo stadio rischia di essere out
Il manto dello Stadio Sinigaglia: la speranza è che possa ospitare il campionato di B (Foto by butti)

Documenti, iter, tempi e doppio cantiere

Perché lo stadio rischia di essere out

Gli ottimisti parlano di una o due partite fuori, i pessimisti di un esilio lungo - La fase cruciale sarà quando la documentazione arriverà al Comune e alla Commissione

La città tifosa si è svegliata ieri mattina con la certezza che il Como dovrà giocare le prime partite di serie B in campo neutro. Un esilio che per gli ottimisti potrebbe durare una o due partite, un danno edulcorato dal fatto che per l’inizio del campionato gli accessi sugli spalti saranno ancora vietati o contingentati. Ma per i pessimisti l’esilio potrebbe anche durare a lungo, addirittura sino a fino all’inverno. E pare che tra i pessimisti ci sia anche Carlo Longhi , l’ispettore della Lega Calcio, che ha effettuato venerdì il sopralluogo al Sinigaglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA