Domenica di sole, folla in centro Un’altra giornata quasi senza regole
Tanta gente anche lungo la diga foranea

Domenica di sole, folla in centro
Un’altra giornata quasi senza regole

Strade e piazze prese d’assalto anche ieri - Ristoranti pieni, l’aperitivo si anticipa alle 17 - E il girone pedonale? Forse il prossimo weekend

Non sembra che sia in corso un’emergenza sanitaria, non sembra neppure una domenica di febbraio, di quelle gelide e severe, dove anche quando splende, è un sole freddo. No. Ieri era una giornata quasi primaverile e il centro di Como, come di tutti i capoluoghi italiani in “zona gialla” si è riempito come se non ci fosse un domani. Perché domani, ovvero oggi, si resta in zona gialla, assieme a tutta la Lombardia.

Se fosse stato il contrario, se i ristoranti, ad esempio, fossero stati costretti, per l’ennesima volta, a chiudere al pubblico tornando all’asporto, oggi sarebbero stati presi d’assalto, invece erano “solo” pieni. E anche il traffico ne ha risentito, con gli autosili gia strapieni alle 15.30: Valduce pieni, un posto solo liberto al Centro lago e quattro in via Auguadri. Cosa vogliamo rimproverare ancora a questi comaschi – non ci sono turisti – e a questi lombardi che vengono a passare la domenica sulla sponda del lago e tra le vie dello shopping?

© RIPRODUZIONE RISERVATA