Influenza, lo scandalo dei vaccini:  «Non basteranno per tutti i pazienti»
Vaccinazioni a Como in una foto d’archivio

Influenza, lo scandalo dei vaccini:

«Non basteranno per tutti i pazienti»

L’Ats scrive ai medici comaschi: dosi solo da metà dicembre e «non copriranno il fabbisogno» - Spata accusa la Regione: «Indecente, in mezzo a una pandemia siamo costretti a scegliere chi proteggere e chi no»

L’Ats scrive ai medici comaschi che «a seguito di un ritardo nella consegna» la seconda tranche dei vaccini antinfluenzali arriverà solo a metà dicembre e le dosi saranno meno del previsto tanto che «non potranno purtroppo soddisfare il fabbisogno iniziale». I medici aspettano ancora circa un terzo delle forniture e l’avviso inviato dall’Ats certifica il disastro combinato dalla Regione e dall’assessorato di Giulio Gallera . A ottobre l’obiettivo annunciato dai vertici della sanità lombarda era vaccinare tra il 70% e il 75% delle categorie considerate a rischio. Escludendo così il 30% dei cittadini che hanno diritto al vaccino gratuito in un anno reso delicatissimo dal Covid, circa 66mila comaschi. Ma nemmeno questo obiettivo verrà centrato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA