Il genio di Villaggio  abbattè il Muro

Il genio di Villaggio

abbattè il Muro

Paolo Villaggio era un grande cultore della letteratura russa. In particolare di Dostoevskij. In particolare, di “Memorie del sottosuolo” e di “Delitto e castigo”. Anche se, ripensando al meglio della sua opera televisiva, cinematografica e narrativa - perché, tra le altre cose, scriveva come un semidio - il rapporto di parentela che viene più immediato è quello con Cechov e Gogol.

© RIPRODUZIONE RISERVATA