Ritornano la cravatta  e la voglia di normalità

Ritornano la cravatta

e la voglia di normalità

Normalità e affidabilità. Queste sembrano essere le richieste degli italiani, shakerati se non peggio dalla lunga pandemia, ai politici. Normalità significa tornare alla vita di tutti i giorni, e non solo per quanto attiene allo spritz, alla messa in piega, ai tatuaggi e alle vacanze. Ma anche normalità di un lavoro, di un reddito, della possibilità di mettere ancora insieme il pranzo con la cena. Affidabilità significa soprattutto decisioni di buon senso e capacità di renderle effettive. Può sembrare una banalità, non lo è se si schiaccia il tasto del rewind della memoria e si pensa a come eravamo, populisti, sovranisti, razzisti, no vax, un sacco di altre cose, sardine ammassate nelle piazze, elezioni locali vissute come ordalia. Pare che siano passati anni. In fondo sono solo una manciatina di mesi che forse ci hanno cambiato più di quanto ce ne accorgiamo o siamo disposti a riconoscerlo.

f.angelini@laprovincia.it
Francesco Angelini Capo redattore centrale

© RIPRODUZIONE RISERVATA