«Fece sparire i soldi della ’ndrangheta»: il pm chiede 6 anni per il “ragioniere”

Il processo Secondo l’accusa gestiva i conti correnti delle società riconducibili ai clan. Per la difesa l’uomo era solo dipendente e non aveva a che vedere con la gestione

«Fece sparire i soldi della ’ndrangheta»: il pm chiede 6 anni per il “ragioniere”
Il processo comasco rientra in un più ampio procedimento

Secondo l’ipotesi dell’accusa, era il “ragioniere” al servizio delle famiglie di ’ndrangheta, colui che gestiva i conti correnti delle società riconducibili a loro esponenti e che «operava autonome scelte circa la destinazione del patrimonio» delle stesse.

Non solo un contabile

Non un semplice contabile, ma qualcosa di più, al servizio dei Paviglianiti e degli Oppedisano. Per questo motivo, per Fabio Cerutti, professionista di 54 anni di Luisago, sono stati chiesti dal pm sei anni di carcere con il rito abbreviato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA